Schopenhauer

Appunto inviato da giglio82
/5

Breve sintesi della filosofia di Schopenhauer. (2 pagine, formato word) (0 pagine formato doc)

Schopenhauer (1788-1861) (1788-1861) Il mondo della rappresentazione Per Kant il fenomeno era la vera realtà, mentre il noumeno era l'immagine che noi abbiamo di lei.
Invece, per Schopenhauer, il fenomeno è il “velo di Maya”, cioè una pellicola d'illusioni che c'impedisce di vedere le realtà; infatti noi vediamo ciò che ci appare e non la vera essenza del fenomeno, che è la realtà. Il “velo di Maya” è una rappresentazione che esiste solo dentro la mia coscienza, perciò “il mondo è la mia rappresentazione”.La rappresentazione è composta da 2 parti: il soggetto rappresentante e l'oggetto rappresentato.Essi sono indivisibili perciò il materialismo è falso perché riduce il soggetto all'oggetto e l'idealismo è errato perché fa l'opposto. La vita perciò è un sogno, un tessuto d'apparenze; poiché noi non siamo solo rappresentazione e conoscenza, ma anche corpo, possiamo “squarciare il velo di Maya” e afferrare la cosa in se (la verità).
Noi siamo vita e volontà di vivere e il nostro corpo è la manifestazione esteriore della nostra interiorità. La Volontà di vivere La Volontà è l'essenza segreta di tutte le cose. Essa è inconscia poiché la consapevolezza e l'intelletto sono solo delle sue manifestazioni, s'identifica con energia ed impulso.E' unica perché esiste fuori dallo spazio e dal tempo; è eterna perché non ha né inizio né fine.E' una forza libera e cieca senza uno scopo, che si manifesta in modo incessante. La vita vuole la vita, la volontà vuole la volontà.Miliardi di esseri vivono per vivere e continuare a vivere.Solo gli uomini sono infelici perché sono consapevoli di essere spinti dalla Volontà, senza delle finalità proprie: l'uomo è bisogno, perciò vuole continuamente. Il pessimismo La vita è dolore per essenza.Il desiderio è assenza, vuoto, ossia dolore. La soddisfazione finale è solo apparente; infatti dopo un desiderio appagato ne nasce uno nuovo. Godimento e gioia sono solo cessazioni di dolore, che vivono a spese di esso. La noia è un'assenza temporanea di dolore. Tutto soffre: il dolore investe ogni creatura, l'uomo soffre di più solo perché è consapevole di dipendere dalla volontà. L'illusione dell'amore Il fine dell'amore è solo l'accoppiamento: non c'è amore senza sessualità. L'amore procreativo commette il maggiore dei delitti perché crea altre creature destinate a soffrire. L'unico amore da elogiare è la pietà: capacità di compatire, cioè soffrire insieme al prossimo. La critica all'ottimismo Ottimismo cosmico: gli uomini sono esseri sociali che tendono all'armonia universale, aiutandosi a vicenda; il mondo è perfetto, ogni cosa è al suo posto.In realtà il mondo è il teatro dell'illogicità. Ottimismo sociale: gli individui sono fatti per volersi bene ed aiutarsi.In realtà la cattiveria è innata nell'uomo; gli uomini vivono insieme per bisogno. Ottimismo storico: la storia comprende tutto.In realtà gli uomini vivono una storia individuale e il loro destino ha dei tratti immutabili. Le