Antonio Rosmini: il pensiero

Appunto inviato da scajax
/5

Cristianesimo, moralità, etica, scienza e persona. (8 pagine formato docx)

1 - La civiltà dell’800, ampiamente penetrata dal messaggio romantico, multiforme e variamente orientato, oscilla fra individualismo e socialismo di varia coloritura, pur prevalendo ancora il primo, fra soggettivismo e impersonalismo.


SCHEMA DESCRITTIVO SULLA DOTTRINA POLITICA DI ROSMINI (Clicca qui >>)


Il soggettivismo dei poeti, l’individualismo dei teorici e dei politici liberali sono controbilanciati dalle tendenze impersonali che segnano numerose costruzioni filosofiche. Nonostante i contrasti, anche accentuati, ritroviamo questa tendenza in Fichte, in Hegel, in Comte, in Schopenhauer e in colui che a tutti si oppone: Nietzsche.

NOTE SU VITA E PENSIERO DI ROSMINI (Clicca qui >>)


Questi orientamenti più diffusi (individualismo-impersonalismo, intimismo-sociologismo) non escludono che si trovi, già negli autori sopra menzionati e soprattutto in altri, abbondanza e novità di riflessione intorno alla questione che, per i filosofi, è il problema dei problemi: che cos’è l’uomo? Che cos’è, ammesso che ci sia, la persona?

APPUNTI SCHEMATICI SU ANTONIO ROSMINI (Clicca qui >>)


2 - Senza dubbio questo è il caso di Antonio Rosmini (1797-1855).
Egli occupa un posto autonomo entro il movimento del “ritorno alla tradizione” e persino nella più specifica, per quanto vasta, corrente dello spiritualismo.