Riassunto su Marx

Appunto inviato da alessandrozanini93
/5

la critica al misticismo di Hegel, la critica allo stato moderno e al liberalismo, la critica all'economia borghese, il distacco da Feuerbach e l'interpretazione della religione in chiave sociale, la concezione materialistica della storia, il manifesto del partito comunista, il Capitale, la rivoluzione e la dittatura del proletariato (4 pagine formato doc)

Riassunto su Marx. MARX 1818-1883
E’ stato il filosofo del comunismo, un classico della cultura in generale.
LA CRITICA AL MISTICISMO LOGICO DI HEGEL
Lo stratagemma di Hegel consiste nel trasformare la realtà empirica in manifestazioni necessarie dello spirito; non si limita a constatare ma lo da per necessario, e quindi razionale.
Questo processo è detto misticismo logico: le istituzioni ad esempio, anziché essere considerate per quello che sono finiscono per diventare allegorie della realtà; ciò è il risultato del capovolgimento idealistico, ripreso da Feuerbach, tra soggetto e predicato.

Leggi anche Marx e il socialismo scientifico

Al misticismo Marx contrappone il metodo trasformativo, cioè ricapovolgere la situazione riconoscendo il vero soggetto e il vero predicato. 
Il metodo mistico porta a staticizzare e canonizzare i dati, rendendoli necessari e quindi razionali.
LA CRITICA ALLO STATO MODERNO E AL LIBERALISMO
La categoria del moderno ha luogo inizialmente nella scissione tra società civile e stato: l’uomo, infatti, vive sia come borghese, cioè nell’ambito dei propri interessi egoistici, sia come cittadino, nell’interesse comune per lo stato. Lo stato è però illusorio, perché riflette gli interessi di una classe particolare o di un gruppo; in effetti gli individui, uguali nello stato, sono diversi nella società civile. 

Leggi anche Caratteristiche del marxismo

Rifiuta quindi il principio di rappresentanza, che presuppone la divisione individuo-stato, e quello della libertà individuale, separazione del singolo dalla società.
Marx immagina una società con una sorta di compenetrazione perfetta tra individuo e comunità, solidale, attraverso l’eliminazione delle differenze reali degli uomini, cioè la proprietà privata, intesa come mezzi di produzione.