La concezione della vita in Omero

Appunto inviato da myky1991
/5

Brevi note sulla poetica dell'autore di Iliade e Odissea (3 pagine formato doc)

CONCEZIONE OMERICA DELLA VITA E DELLA REALTÀ

Omero (IX sec.
A.C.) è all'origine della formazione della civiltà greca e occidentale.

In lui è presente una struttura che interpreta l'uomo nella sua relazione con il divino, caratterizzata da una duplice articolazione: a) divisione uomo/Dio b) trascendenza dell'uomo verso la sfera divina. Questo rende possibile all'uomo capirsi, stare nella realtà, elaborare un'arte.

A) INSUPERABILE DIFFERENZA DIO/UOMO

Apollo richiama Diomede: (Il. 5, 440-2)

"Titide, bada! Allontanati, e non pretendere d'aver mente pari agli dèi: non è uguale la stirpe dei numi eterni e degli uomini che camminano in terra".

Omero esclude : a) immortalità umana ...

"Certo, la morte crudele nemmeno gli dei

possono allontanarla da un uomo, anche amato, nel giorno

che Moira funesta di morte lungo strazio lo colga." (Od.
3, 236-38)


... e b) sfida dell'uomo agli dèi:

Ulisse risponde a Telemaco:

"Non sono un dio, no: perché m'assomigli agli eterni?

Il padre tuo sono, per cui singhiozzando

soffri tanti dolori." (Od 16, 187)