Copernico e Galilei: teorie

Appunto inviato da flashqueen90
/5

Copernico e Galilei: riassunto sulle teoria copernicana e galileiana (6 pagine formato doc)

COPERNICO E GALILEI: TEORIE

Niccolò Copernico.

Copernico è il primo sostenitore della teoria eliocentrica o copernicana che pone il sole al centro dell’universo e la terra che ci gira intorno.
La portata della sua opera “de revolutionibus” va molto al di là di una riforma tecnica dell’astronomia: spostando la terra dal centro dell’universo mutò anche il posto dell’uomo nel cosmo. La rivoluzione astronomica portò anche una rivoluzione filosofica: la sua teoria è servita per passare dalla mentalità medievale a quella della moderna società occidentale; è cambiato il rapporto fra Dio e l’uomo e il suo posto nell’universo.
Copernico recupera una vecchia suggestione del tempo antico; giunge a formulare la sua teoria più da matematico che da astronomo e non va oltre la concezione dell’universo come ente finito.

Niccolò Copernico e la teoria eliocentrica


TEORIA DI GALILEO

La teoria eliocentrica di cui si fa portavoce si pone in posizione antitetica rispetto alla cosmologia aristotelica che Tolomeo aveva scientificamente dimostrato.
La fisica aristotelica è anche metafisica perché usa termini e concetti mutuati da essa.

Con Ockham e quella teoria nominalistica sugli universali che viene definita appunto “rasoio” la fisica conquisterà piena autonomia rispetto alla metafisica.
Dalla fisica Aristotele prendeva spunto per la sua teoria astronomica: l’universo non è unitario ma si divide in mondo sublunare e mondo terrestre. Il mondo terrestre è caratterizzato dai quattro elementi (terra, aria, fuoco, acqua) e dai movimenti violenti o naturali (verso l’elemento di cui gli oggetti sono costituiti oppure in senso opposto). Il mondo sublunare è composto da 55 sfere in cui ci sono le stelle fisse; l’unico elemento presente è l’etere e i movimenti sono tutti perfetti e circolari.

Riassunto della vita e opere di Niccolò Copernico


TEORIA GALILEIANA

Questo universo è finito e chiuso dalle stelle fisse, ma Dio si trova oltre questo universo e lo muove rimanendo immobile. Il sole per Aristotele era un astro perfetto, intonso che racchiudeva la purezza che ben si addice a Dio, fonte suprema di bellezza e di luce, ma che non si identificava con esso.
Copernico rovescia la teoria astronomica di Aristotele e di Tolomeo.
L’universo copernicano è una struttura unitaria regolata dalle stesse leggi; è negata l’esistenza di una distinzione corporea fra gli elementi.
Fra Copernico e Tolomeo+Aristotele c’è in comune la finitezza dell’universo e il fatto che le orbite dei pianeti siano circolari.
Copernico scrive all’inizio dei cinquecento. Il testo è preceduto da una dedica al papa; anche se Copernico sostenne la teoria eliocentrica che contrastava con l’ideologia della chiesa non subì la stesa sorte di bruno per una motivazione prettamente di natura storica: non era stato infatti ancora istituita la santa inquisizione che è un prodotto del concilio di Trento. Copernico adduce come elementi che potevano rendere più valida la sua teoria il fatto che anche altri grandi del passato come cicerone, plutarco e i pitagorici l’avessero appoggiata.

Rivoluzione scientifica: riassunto su Galileo e Copernico


TEORIA GEOCENTRICA

Le tesi sostenute nel primo capitolo del de revolutionibus sono le seguenti:
1.    il mondo è sferico
2.    la terra è sferica
3.    la terra e l’acqua formano un’unica sfera
4.    il moto dei copri celesti è uniforme, circolare e perpetuo
5.    la terra si muove in un’orbita circolare attorno al sole
6.    la terra ruota anche attorno al suo asse
7.    l’universo è finito e incommensurabilmente più grande della terra

Tutto su astronomia