Freud: contesto storico e politico, la vita

Appunto inviato da tigermallongo
/5

contesto storico e politico, vita e bibliografia, tesi e concetti principali di Sigmund Freud (2 pagine formato doc)

Freud: contesto storico e politico, la vita - Sigmund Freud è un neurologo di origine e religione ebraica, proveniente dalla Moravia.
Molti dei suoi libri verranno bruciati dai nazisti perché ritenuti degenerati.
Studia presso la facoltà di medicina di Vienna, molto rinomata in Europa, con un’impostazione severissima di stampo positivista.
Ci si basa sui fatti, poche riflessioni: qualsiasi tipo di disturbo un paziente abbia ha una causa di carattere organico, è sempre qualcosa che si è rotto nel funzionamento del meccanismo del corpo.

Leggi anche Freud e l'interpretazione dei sogni

Anche le malattie della mente sono radicate in un malfunzionamento del corpo.
1900 pubblicherà “l’interpretazione dei sogni”, il libro che indicherà il suo indirizzo di studi: la psicoanalisi.
1885 Vince una borsa di studio che gli permette di andare a Parigi.
A Parigi insegnava Jean Martin Charcot, un luminare, medico noto e stimato in tutta Europa.
Amava essere al centro dell’attenzione, era solito mostrare durante la lezione alcuni pazienti e mostrare le sintomatologia agli studenti, l’eziologia sempre di carattere organico.

Leggi anche Appunti di filosofia su Freud

Freud si accorge che ci sono dei casi clinici che fanno fatica ad essere spiegati con una causa di tipo organico.
Dopo aver fatto tutte le analisi possibili e dopo aver verificato che l’infermo non finge il malessere, Charcot riesce con l’ipnosi ad indurre il paziente a camminare.
L’ipnosi non era considerata un’attività strettamente medica - scientifica, ma in questo caso si tratta di uno dei medici più illustri dell’epoca e la cosa veramente rilevante è che sembra che effettivamente funzioni.
Lo stesso Charcot però non riesce a formulare un’ipotesi per spiegare questi risultati.
Questa categoria di malessere viene definita con il termine “Isteria”, di solito attribuito al mondo femminile.
Quando Freud tornato in patria si dedica allo studio di questi casi clinici la sua professionalità ne risente ma trova un medico, Josef Breuer, che decide di collaborare con lui.

Leggi anche La vita e la psicanalisi di Freud

È l’esordio di quello che poi diventerà il progetto di ricerca della psicoanalisi.
Breuer ha già una buona reputazione e Vienna e vuole evitare di immischiarsi troppo nella faccenda.
Si interessano al caso di “Anna O.” che presenta i sintomi tipici dell’isteria.
Notarono che i sintomi sembravano attenuarsi semplicemente con un certo tempo di conversazione con il medico, solitamente riguardo una biografia della paziente.

.