Giusnaturalismo di Grozio, di Hobbes e di Locke

Appunto inviato da betman14
/5

Il significato del giusnaturalismo e le filosofie di Grozio e di Hobbes e la politica di Locke (2 pagine formato doc)

GIUSNATURALISMO: SIGNIFICATO

Partiamo da Aristotele: per lui la politica, insieme all’etica, è una scienza pratica → studia il possibile → non c’è una forma di governo perfetto → procede con un metodo induttivo descrittivo.
Ma nel 1500, periodo in cui si stanno formando gli stati moderni, i sovrani devono giustificare il loro potere → nasce il giusnaturalismo = filosofia che si occupa del diritto di natura → non ricavano tutto dal passato e dagli esempi ma solo con la ragione.

Giusnaturalismo = corrente giuridico-politica sorta nel XVII secolo che si rifaceva ai  concetti di “diritto” e “legge naturale”.

Sono quindi il contrario di Aristotele e altri filosofi che partivano dal metodo induttivo “la gente ritiene che…”.
Per i giusnaturalisti invece il diritto naturale non si fonda su un elemento universale (come il consenso di tutti gli uomini), ma va ricercato nei dettami della retta ragione.

GIUSNATURALISMO, GROZIO

Grozio.

Fondatore del giusnaturalismo, è un razionalista politico.
Scrive “Il diritto della guerra e della pace” = l’identificazione di ciò che è naturale con ciò che è razionale perchè la natura dell’uomo è ragione. Certe azioni sono positive perchè la ragione è in accordo con loro e lo sono per principio, l’uomo deve fare come se Dio non ci fosse; mentre ci sono leggi che sono imposte dal diritto positivo umano o divino e sono lecite solo in virtù delle leggi stabilite dagli uomini o Dio.
Lui ammette la teoria che il popolo abbia fatto un contratto con un potere, ma per lui anche il principe deve rispettare delle condizioni, che, non rispettate, permettono la distruzione del contratto.
Per lui esiste una sola religione valida per tutti, fondata sulla ragione e con solo 4 principi:
1.    Dio esiste ed è uno
2.    Dio è superiore alle cose visibili
3.    Dio governa e giudica tutte le cose umane
4.    Dio è l’artefice di tutte le cose naturali
A questi principi le varie religioni aggiungono altre nozioni non altrettanto razionali, ma da rispettare ugualmente. (lui era stato incarcerato per eresia in Olanda).

Cos'è il giusnaturalismo?

GIUSNATURALISMO, HOBBES

Hobbes. La condizione presociale ed il diritto di natura. Ci sono 2 postulati fondamentali della natura umana:
1.    la bramosia naturale per la quale ognuno pretende di godere da solo dei beni comuni → l’uomo di per se non è animale sociale, lo diventa per necessità
2.    ognuno sfugge alla morte violenta come se fosse il peggiore dei mali
l’origine delle più grandi società è pertanto il timore reciproco, la cui causa è l’uguaglianza tra tutti gi uomini nello stato di natura → tutti vogliono accedere esclusivamente ai beni comuni → è uno stato di guerra continua. Tutti hanno diritto su tutto.
Questa situazione è molto svantaggiosa in quanto vengono trascurate le principali attività produttive e culturali. Nello stato di natura non esiste giusto o sbagliato, buono o cattivo, perché nascono con la legge.
tra gli stati c’è un legame molto più debole che nei singoli stati → si torna allo stato di natura (guerra).
Lo stato di natura, se danneggia i cittadini, è positivo con gli stati, perché aumenta la produttività.