Il Potere, da Platone a Weber

Appunto inviato da elliotreed
/5

Analisi di cosa sia il potere, attraverso le concezioni di diversi filosofi (Platone, Aristotele, Hobbes, Rosseau, Marx, Weber) (17 pagine formato doc)

Koselleke, Brunner, Conze sono i tre autori che hanno inaugurato una nuova corrente negli studi sociologici e storici: Begriffsgeschichte – Storia Concettuale Iniziano a rivedere alcuni concetti dell’ambito pratico (quindi politico) dando inizio ad una corrente prima storica e poi sociologica.
È una corrente nata in Germania dagli anni 1980, affermatasi con questi autori, la quale rivede in un’ottica nuova i concetti fondamentali dell’ambito politico (fanno la storia di diversi concetti). Alcuni di questi concetti sono politica, stato, democrazia e potere. perchè a partire da Rosseau (e con Hobbes) si era ritenuto necessario esercitare il potere per fare politica (l’esercizio del potere era la condizione di possibilità per fare politica).
Hobbes sentiva le necessità di legittimarlo. In seguito, soprattutto con Weber, non ci sarà più la necessità. Egli elencherà (classificherà) le diverse forme di potere, non riteneva necessario dimostrare perchè servono queste dinamiche. I diversi tipi di potere è come se fossero realtà oggettive esistenti in sé...