Riassunto su Adorno

Appunto inviato da coccomartinavi
/5

riassunto su Adorno, la dialettica negativa, critica dell'industria culturale e arte come denuncia (1 pagine formato doc)

Riassunto su Adorno - ADORNO (1903-1969) L’analisi della società moderna , capitalistica e tecnologica, viene ripresa dalla Scuola di Francoforte, che risente dell’influsso della critica di Marx all’alienazione e alla mercificazioni.

Tra le opere fondamentali “Dialettica dell’illuminismo” composta da Horkheimer e Adorno, in cui si considera la ragione strumentale (interessata, e non anche ai fini) come un dato costante della cultura occidentale che, a partire da Omero e da Ulisse, nell’illusione di dominare la natura non ha raggiungere altro esito se non quello di reprimere l’umanità più profonda e vera. I totalitarismi del Novecento hanno reso più tragica questa situazione.

Leggi anche La scuola di Francoforte e la Dialettica dell'Illuminismo

LA FORMAZIONE E IL CARATTERE ASISTEMATICO - Nato a Francoforte, studia musica da giovane, poi si trasferisce a Vienna, per perfezionare la conoscenza musicale.
All’origine di questa passione con la musica c’è la madre, una cantante a cui il filosofo era talmente legato da assumere il suo come principale cognome. La formazione si completa con gli studi filosofici (Kant, Hegel, Schopenhauer, Kierkegaard e Nietzsche). Si interessa di arte e critica letteraria, sociologia e storia delle civiltà.

Leggi anche La filosofia di Adorno

Usa uno stile sobrio e asciutto, usa saggio breve, articolo, aforisma non si può racchiudere la realtà complessa in un sistema compiuto. Il presente appare in frantumi, in cui l’antica armonia (tipo classicità greca) è andata distrutta in modo irreversibile. Scrive Minima moralia, che è una raccolta di aforismi  che forniscono brillanti riflessioni sulla condizione umana in quello che viene definito il “mondo amministrato”, cioè la società industriale avanzata in cui ogni aspetto della vita è pianificato e controllato. Si vede un senso di sconforto e amarezza nel constatare l’incapacità delle persone di prendere coscienza del condizionamento ideologico a cui sono sottoposte e a liberarsene.

Leggi anche Riassunto della Minima moralità di Adorno

LA DIALETTICA NEGATIVA - In Dialettica negativa(1966) Adorno continua con il programma di smascherare i limiti della ragione scientifica, intesa come la forma più sottile e perniciosa di dominio e di assoggettamento dell’uomo. Cerca di delineare un’uscita dall’oppressione, con la proposta di un pensiero dialettico “negativo” che non risolve tutto in una sintesi (Hegel), ma che mostra le contraddizioni e le mantiene nella loro cruda differenza.