Riassunto su Marcuse e il 68

Appunto inviato da jessicabica
/5

breve riassunto su Marcuse e il Sessantotto (2 pagine formato doc)

Riassunto su Marcuse e il 68 - Col  termine “Sessantotto” si indica il movimento di protesta che, a partire appunto da 1968 , ha investito il mondo intero, portando nelle strade e nelle piazze le rivolte di operai, studenti e gruppi etnici minoritari; uniti dall’opposizione a ogni forma di autoritarismo e di ingiustizia.

Si contestava in particolare la società dei consumi, l’economia capitalistica e la politica imperialistica causa di numerosi conflitti. Herbert Marcuse, fu uno dei riferimenti intellettuali più significativi  di questa rivolta, che analizza la condizione dell’ uomo nella civiltà industriale e tecnologica.

Leggi anche I concetti principali della filosofia di Marcuse

Egli registra che in questa società è presente un forte eccesso di repressione , e inoltre  essendo incentrata sul lavoro e sullo sfruttamento ha ridotto l’ uomo a un << essere-per-la-produzione>> cioè , lo ha asservito al << principio della prestazione>>.
In questo modo l’essere umano impiegherà tutte le energie psicofisiche nel lavoro, piuttosto che nei suoi obiettivi naturali: piacere e ricerca della felicità. Marcuse, a questo punto, individua tre vie di uscita dalla condizione di repressione:
- L’ARTE: che rappresenta una dimensione utopica capace di proiettare l’uomo oltre la drammatica atmosfera  del presente, già descritta da Weber  come << gabbia d’acciaio>> ;

Leggi anche Schema sulle opere di Marcuse

- L’EROS: rappresenta una forza rivoluzionaria e travolgente che comporta un ‘ opposizione all’ordine istituito, e inoltre consiste nel recupero di una sessualità autentica e libera;
- IL <<GRANDE RIFIUTO>>, invece, costituisce quell’opposizione totale al sistema capitalistico, attuata da coloro che sono rivoluzionari e diversi (emarginati , stranieri…)