Riassunto su Socrate

Appunto inviato da aotta
/5

la filosofia di Socrate (0 pagine formato txt)

Riassunto su Socrate Socrate rappresenta un momento cruciale nella storia del pensiero antico.
La riflessione si concentra sull'uomo. Centrale è la sua riflessione etica politica e religiosa. Per Socrate la conoscenza non è fine a se stessa, ma è qualcosa che ci deve guidare nelle scelte di ogni giorno. Nel 339 a.C. viene accusato di empietà e di soverchiare i giovani, viene fatto un processo pubblico in cui verrà condannato a morte. Non scrisse mai nulla perché pensava che la filosofia fosse una ricerca costante, è un continuo interagire di idee e con altre persone, mentre una pagina scritta ha solo ciò che ha scritto sopra, nulla più.
Le informazioni che abbiamo su di lui ci vengono date dai suoi contemporanei, Socrate fu una figura che colpì parecchio, soprattutto la sua morte per le proprie idee e la fede in esse. 


Ha fede in quella che è la legge dello stato, nonostante le molte opportunità di scappare, non lo fece mai, decise di accettare la condanna. Una testimonianza che ci porta Aristofane, nella commedia le Nuvole, era di grande polemica nei suoi confronti e nei confronti del suo modo di comportarsi o di filosofare.  Tutto ciò che gli veniva detto, non ci credeva, voleva criticarla e ragionarsi sopra. Lui criticava continuamente la società e ciò che succedeva in essa. Senofonte non capisce Socrate e lo presenta come un uomo umile, rispettoso delle regole di Atene. La maggiore fonte di informazioni è Platone, il suo più importante discepolo, che scrisse tantissimo da lui e venne sconvolto dalla sua condanna. Il problema di ciò che riporta Platone è che non si può mai capire quando le parole del personaggio Socrate, siano effettivamente proprie o dell'autore. 


Socrate è perfettamente incentrato nella filosofia del proprio tempo perché si incentra sull'uomo. Sostiene che le risposte alle nostre domande non vengano date da nessuno, siamo noi che dobbiamo  cercarle. Secondo lui l'unico modo per poter arrivare alla verità è il ragionamento; tale verità è tale per tutti, per questo è in grande conflitto con i sofisti e la filosofia relativista del periodo.
Il suo motto è conosci te stesso, il suo pensiero è riuscire a capire cos'è l'uomo e l'essere umano in generale.