Rivoluzione scientifica: riassunto su Copernico, Keplero e Bacone

Appunto inviato da giuliatiberi
/5

Riassunto sulla rivoluzione scientifica e sui filosofi che la rappresentano: Copernico, Keplero e Bacone (3 pagine formato docx)

RIVOLUZIONE SCIENTIFICA: RIASSUNTO SU COPERNICO, KEPLERO E BACONE

La rivoluzione scientifica.

La Rivoluzione scientifica indica il cambiamento epocale avvenuto fra il 500 e il 600, nel pensiero filosofico e scientifico europeo. In particolare, con Rivoluzione scientifica si fa riferimento alla fase di straordinario sviluppo della scienza che abbraccia il periodo compreso tra la data di pubblicazione del capolavoro di Niccolò Copernico Le rivoluzioni degli astri celesti (1543) e quella dell'opera di Isaac Newton I principi matematici della filosofia naturale (1687).
In questa fase si assiste non solo alla nascita della scienza moderna ma anche a un mutamento radicale nell’immagine stessa della scienza e della figura del filosofo naturale, cioè di colui che si occupa della conoscenza e del dominio del mondo naturale.

Niccolò Copernico e la teoria eliocentrica


RIVOLUZIONE SCIENTIFICA: FILOSOFIA

La figura dell’uomo di scienza diventa del tutto diversa da quella dell’antico sapiente.

Colui che si occupa di scienza non è più solo il dotto detentore di un sapere indiscutibile, ma è invece il portatore di un sapere da sottoporre continuamente al giudizio dell’esperienza, da comunicare il più possibile e quindi formulare in un linguaggio comprensibile. Il nuovo uomo di scienza può appartenere alle categorie più diverse e il nuovo processo culturale si svolge, in gran parte, al di fuori delle università e dei luoghi tradizionali del sapere.
Nella Rivoluzione scientifica oltre ad una nuova scienza e una nuova immagine dell’uomo di scienza, ci sono nuove teorie che portano ad una nuova immagine del mondo naturale e della posizione che l’uomo assume in questo mondo. Si passa inoltre dall’ordine teologico a quello causale, cioè mentre nel Medioevo l’ordine della natura derivava dalla creazione divina, nella scienza moderna, deriva da leggi matematiche.
La matematica assume infatti un ruolo importante perché mentre nel Medioevo era considerata per lo più una costruzione intellettuale astratta, ora viene utilizzata per studiare la natura e diventa così lo strumento principale che accompagna la nascita della nuova scienza.
Nella scienza moderna l’uomo e le Terra non sono più al centro dell’universo. Questo porterà a dei contrasti con la filosofia del tempo e le Sacre Scrittura.

Riassunto della vita e opere di Niccolò Copernico


RIVOLUZIONE SCIENTIFICA DEL 600: RIASSUNTO

La rivoluzione copernicana. Come ho già detto prima, la rivoluzione scientifica inizia con la pubblicazione del De revolutionibus di Copernico nel 1543.
Copernico sostiene che è la Terra a muoversi intorno al Sole e non viceversa, e su questa tesi costruisce un sistema astronomico alternativo a quello tolemaico, fondato sui capisaldi della fisica aristotelica come la distinzione tra mondo terrestre e mondo celeste e tra moti naturali e moti violenti.
La teoria di Copernico è ben sviluppata tecnicamente e gli astronomi iniziano a utilizzare le sue tavole, ma la sua descrizione del cosmo è in contrasto con la lettura corrente della Bibbia e con l’idea radicata che l’uomo e la Terra sono al centro dell’universo. Nonostante ciò, Copernico non ritira le sue convinzioni e idee e rifiuta i compromessi, come quello suggerito da Osiander che vuole riconciliare scienza e fede dando alla teoria scientifica un valore ipotetico, senza pretese di verità.

L'approfondimento su: biografia, filosofia, scoperte e invenzioni di Giovanni Keplero