Il Sillogismo - Aristotele

Appunto inviato da laurabonerba94
/5

Descrizione dei quattro tipi di sillogismo (2 pagine formato doc)

ARISTOTELE
IL SILLOGISMO
Definire: significa cogliere l’essenza, la sostanza.
Giudizio: i termini si uniscono nel giudizio e si determinano giudizi veri o falsi.
Sillogismo
Quando affermiamo o neghiamo qualcosa, cioè quando emettiamo dei giudizi o delle proposizioni noi non stiamo ancora ragionando.
Ragioniamo quando passiamo da proposizioni a proposizioni, da giudizi a giudizi consequenziali gli uni agli altri, che abbiano tra loro determinati nessi e che siano in un certo qual modo le une causa della altre e le altre conseguenza delle une. 


Non esiste ragionamento se non esiste questo nesso di consequenzialità: il sillogismo è appunto il ragionamento perfetto, quel ragionamento alle cui conclusioni si perviene come conseguenza e che scaturisce dalla proposizione precedente.
In un ragionamento perfetto ci devono essere tre proposizioni, di cui due fungono da antecedenti, dette premesse, e la terza funge da conclusione e che non può non scaturire dalle premessa. 


Così nel sillogismo sono in gioco sempre tre termini  di cui uno funge da cerniera che unisce gli altri due. L'esempio più famoso di sillogismo perfetto è quello che dice: "Tutti gli uomini sono mortali", (premessa minore) che afferma "Socrate è un uomo" e una conclusione che dice "Socrate è mortale".
Che Socrate sia mortale è una conseguenza che scaturisce in maniera necessaria dall’aver stabilito che ogni uomo è mortale, dove il termine “uomo” è quello su cui si fa leva per la conclusione.


.