Dal Geocentrismo all'Eliocentrismo

Appunto inviato da zuchn1987
/5

le due teorie dell'universo aconfronto... perchè l'eliocentrismo incontrò difficolta ad affermarsi??? (1 pagine formato doc)

Dal geocentrismo all'eliocentrismo Dal geocentrismo all'eliocentrismo Geocentrismo -La teoria geocentrica viene generalmente definita teoria aristotelica, tuttavia questa non è una creazione di Aristotele che si limitò ad accettarla come quella comune del suo tempo mentre fu Tolomeo a perfezionarla.
Secondo questa teoria la terra è sarebbe al centro dell'universo, intorno ad essa ruoterebbero la Luna, i pianeti, il Sole e le stelle secondo orbite circolari. La teoria fa parte di un contesto di teorie fisiche che apparvero inconfutabili per migliaia di anni. Le più importanti erano: nel cielo il movimento naturale è circolare (Aristotele lo definisce perfetto poiché non ha né inizio né fine), gli astri sono incorruttibili (nulla muta in essi); sulla terra, invece, il movimento è rettilineo (imperfetto), ogni cosa è corruttibile ( cambia incessantemente).
Vi sono quattro elementi sulla Terra: terra, acqua, aria e fuoco i primi due tendono, come proprio luogo naturale, verso il basso e i restanti verso l'alto. In quel epoca, tuttavia, esistevano già dei pensatori che affermavano l'eliocentrismo tuttavia ottennero scarsa eco scientifica poiché l'esperienza sembrava smentirli clamorosamente. La teoria geocentrica, nonostante fosse errata, resse a lungo perché tutti i calcoli accurati delle posizioni degl'astri, delle eclissi, delle costellazioni trovavano una conferma oggettiva. Questo perchè gli astri non ruotavano intorno al centro della Terra ma più precisamente intorno a dei punti chiamati eccentrici i quali a loro volta ruotavano intorno all'asse centro terrestre, rendendo così i calcoli esatti. Eliocentrismo L'astronomo polacco Copernico nel 1543 pubblicò un'opera relativa all'eliocentrismo sostenendo che se gli astri ruotassero intorno al Sole i calcoli risulterebbero molto più semplici. Sembrerebbe solamente un espediente puramente tecnico infatti non si sosteneva “effettivamente”che il Sole fosse al centro dell'universo. Molti storici ritengono che Copernico credesse effettivamente nella teoria eliocentrica e che solo per prudenza la presentasse come un puro espediente matematico. Le obiezioni scientifiche furono molte e non facilmente superabili perché implicavano una sostanziale modifica di tutto il pensiero scientifico. Le più importanti furono: I CALCOLI- Infatti i calcoli si delle due teorie si equivalevano sostanzialmente. Anzi l'antica tradizione geometrica presentava calcoli più precisi dei nuovi. Mancava quindi una prova sperimentale che potesse giustificare il superamento di una teoria adottata da millenni. Sintetizzata dalla domanda: se la Terra si muove perché non ce ne accorgiamo? Questo anche perché la velocità di rotazione della Terra sarebbe molto alta: in 24 ore girerebbe su se stessa, inconcepibile per quel tempo. Se il cielo e la Terra seguono le stesse leggi allora perché il Sole e gli altri astri non ci cadono addosso? La difficoltà fondamentale da superare era certamente quella espressa dal punto “b&rd