Onde elettromagnetiche, fisica: propagazione e caratteristiche

Appunto inviato da vanebabi
/5

la propagazione delle onde elettromagnetiche e oscillazioni forzate. Fenditure multiple. Interferenza dal punto di vista dell'intensità. Polarizzazione delle radiazioni elettromagnetiche. Riassunto di fisica sulle caratteristiche e propagazione delle onde elettromagnetiche (11 pagine formato doc)

ONDE ELETTROMAGNETICHE, FISICA: PROPAGAZIONE E CARATTERISTICHE

Onde elettromagnetich.

Il movimento di particelle cariche da luogo all’emissione di energia per mezzo radiazioni elettromagnetiche, onde il cui comportamento viene detrminato secondo le equazioni di Maxwell.
Sono formate da un campo elettrico E e un magnetico B oscillanti e ortogonali l’uno rispetto all’altro, che sisostengono a vicenda.
E = Emaxsin(t-kx)
B = Bmaxsin(t-kx)
Come si vede dale equazioni d’onda, I due campi oscillano perfettamente in fase.
Dal punto di vista puramente teorico non esiste limite alla masima frequenza di oscillazione dei campi; questo limite viene però imposto dalla sorgente
La prima caratteristica studidabile di questo tipo di onde è la loro velocità di propagazione, che dipende da  dove
= cost dielettrica
= cost. di permeabilità magnetica.

Cosa sono le onde elettromagnetiche


ONDE ELETTROMAGNETICHE FISICA 2

A differenza delle Onde Meccaniche, le onde elettromagnetiche si possono propagare anche nel vuoto; nxi, dato che in queste condizioni I valori della dielettrica e della permeabilità sono I minimi possibili, la luce arà la sua massima espressione di veocità.
c =  3*108m/s
Un’altra possible definizione della velocità di propagazione è data dal rapporto: V = Emax/Bmax
Dato che I campi sono in fase perfetta, la velocità non dipenderà soltanto dal loro valore Massimo, bensì dal vlore da essi assunto in ogni momento.
Come visto dall’elevatissimo valore di v, con il quale si nota che E = 3*108B, si preferisce misurare solitamnte solo il campo elettrico delle radiazioni, in quant oil campo B sarebbe troppo poco inteno da registrare praticamente, ma facile da dedurre con la teoria.
Il campo può essere orientato a 360° e varia nel tempo.

Si può indentificare un solo piano specifico (polarizzato)  mediante l’uso di lenti particolari.
L’intensità dell’energia trasportata da onde e.m. non è più definibile nella maniera vista per le onde meccaniche; questo perchè è necessario notare la presenza di una direzione di propagazione; l’intensità diventa così una proprietà vettoriale:
S = questo è definto il vettore di pointing; il suo valore in modulo è = a I.

Tipologie e definizione di onde elettromagnetiche


PROPAGAZIONE ONDE ELETTROMAGNETICHE

Propagazione delle onde elettromagnetiche e oscillazioni forzate.
Inseriamo il discorso dell’indice di rifrazione come rapporto tra c e velocità della luce nel mezzo = c/v        sempre maggiore di 1 in quanto c=vmax
Una definizione più precisa, data in base alle equazioni della v di propagazione è...
Mediante l’uso degli indici di rifrazione è possible prevedere il comportamento di un  raggio a seguito dell’attraversamento di un interfaccia
Possiamo notare come, dal rapporto = f/v    la lunghezza d’onda dipenda dalla velocità del raggio. Si deduce quindi che al cambiare del mezzo, cambiando la velocità del raggio, cambierà anche la sua lunghezza d’onda.

Onde elettromagnetiche, appunti di elettronica


ONDE ELETTROMAGNETICHE FISICA RIASSUNTO

Ciò impone che il raggio pasante per un mezzo, al momento dell’uscita da questo non sarà più in fase con un ipotetico raggio gemello passato invece nel vuoto, pur avendo paradossalmente percorso lo stesso cammino geometrico.
Hanno percorso infatti un cammino OTTICO (l) differente, in quanto il rallentamento nel mezzo di un raggio gli fa percorrere uno spazio uguale in maggior tempo:l = *x
In ultimo, sappiamo che al di sopra di un certo angolo caratteristico, un raggio passante da un mezzo con indice maggiore a uno con indice minore verrà completamente riflesso e non più rifratto.
Reticoli rifrazione
Nel caso si parli di fenditure singole, se i fronti d'onda in arrivo sono da considerarsi paralleli, dopo il passaggio attraverso la fenditura avremo dei fronti d'onda circolari come se la stessa emettesse come una sorgente puntiforme.