Induzione elettromagnetica: riassunto

Appunto inviato da livornese
/5

Induzione elettromagnetica: riassunto e spiegazione del flusso di un vettore, la legge di Faraday e Lenz, la mutua induzione, l'autoinduzione, i circuiti RL, l'energia in un campo magnetico, i generatori di corrente alternata e i trasformatori (3 pagine formato doc)

INDUZIONE ELETTROMAGNETICA: RIASSUNTO

Induzione elettromagnetica. La f.e.m.

indotta - Nella prima metà dell’800 fu scoperto che cariche elettriche generano campi magnetici. Poniamo una bobina con una batteria e un interruttore attorno ad una barra conduttrice, chiamando avvolgimento primario questa bobina. Avvolgiamo una seconda bobina con un galvanometro alla stessa barra conduttrice, chiamando questa bobina avvolgimento secondario. Senza batteria, saremmo portati a dire che nell’avvolgimento secondario non vi sia mai corrente. Ma negli istanti di chiusura e di apertura dell’interruttore nell’avvolgimento primario notiamo che si crea corrente anche nel secondario.
Quindi si crea una tensione nel secondario, che chiameremo f.e.m. indotta. Essa viene generata anche da un magnete che si avvicina o si allontana da una bobina. Notiamo come il verso della corrente generata dalla f.e.m. indotta cambi a seconda che la corrente nel primario aumenti o diminuisca o il magnete si avvicini o si allontani.

Induzione elettromagnetica: spiegazione

INDUZIONE ELETTROMAGNETICA: SPIEGAZIONE

Il flusso di un vettore. Per spiegare il fenomeno della f.e.m. indotta Faraday e Lenz utilizzarono il concetto di flusso di un vettore. Possiamo definire il flusso di un vettore: , dove per intendiamo l'angolo compresotra il vettore e la normale alla superficie A nel punto in cui viene applicato V.
Possiamo dunque definire intuitivamente il flusso del campo magnetico come il numero di linee di campo che attraversano una data superficie A. Dalla definizione di flusso di un vettore possiamo quindi definire il flusso del campo magnetico che attraversa una bobina come: dove A è la superficie di una spira della bobina ed N il numero delle spire della bobina.

La legge di Faraday e Lenz
La legge di Faraday e Lenz dice che una variazione di flusso magnetico attraverso una spira, induce in quest’ultima una f.e.m. La corrente prodotta da questa f.e.m. genera a sua volta un campo magnetico e quindi un flusso che si oppone al flusso:...

Induzione elettromagnetica: spiegazione semplice

FENOMENO DELL'INDUZIONE ELETTROMAGNETICA

Possiamo comprendere meglio come siano legati il flusso esterno e quello indotto attraverso un esempio per assurdo. Se il flusso indotto non si opponesse a quello esterno, ma si sommasse ad esso, verrebbe generata una nuova corrente indotta, maggiore della precedente poiché generata da una campo magnetico maggiore. Essa a sua volta creerebbe un nuovo campo magnetico che andrebbe a sommarsi a quelli precedenti iniziando nuovamente il ciclo. Quindi avremmo correnti e variazioni di flussi di campi magnetici infiniti e ciò risulta assurdo dall’analisi dei fenomeni, che mostrano come le correnti cessino appena cessa la variazione di flusso esterno.

Nikola Tesla: biografia, invenzioni ed energia libera