Cariche elettriche positive e negative

Appunto inviato da lorenzciocca
/5

Studio delle cariche elettriche positive e negative (1 pagine formato doc)

CARICHE ELETTRICHE POSITIVE E NEGATIVE

Carica elettrica.

Legge di Coulomb. Corpi eletrizzati e loro interazioni. Esistono due tipi diversi di cariche: quella che per convenzione viene chiamata positiva e quella che per convenzione viene chiamata negativa. Da ciò consegue che esistono due tipi di interazione fra corpi diversi che si esplicano rispettivamente con una forza repulsiva o attrattiva. Due cariche dello stesso segno si attraggono, mentre due diverse si respingono.

Due semplici dispositivi per rivelare la carica sono il pendolino elettrico e l’elettroscopio.

Il pendolino elettrico è costituito da una pallina di materiale legger, rivestita di carta stagnola e sospesa ad un filo di seta o di cotone.

Se avviciniamo alla pallina un corpo carico, osserviamo dapprima un’attrazione e successivamente, dopo che la pallina è venuta a contatto con il corpo, una repulsione. Nell’esperimento una parte della carica del corpo è passata alla pallina. Per conoscere il segno della carica di un determinato corpo bisogna conoscere la carica della pallina, poi avvicinarvi il corpo e vedere se la forza che si esercita è repulsiva o attrattiva. In questo modo si conosce il segno della forza incognita.

Elettrizzazione: definizione

CARICA ELETTRICA FISICA

L’elettroscopio costituito da una bacchetta metallica terminante ad una estremità con una sferetta e all’altra con due foglioline metalliche molto leggere; il tutto è disposto in una custodia di vetro.
Portando a contatto della sferetta un corpo elettrizzato, la carica elettrica, tramite la bacchetta conduttrice si trasmette alle foglioline che a causa della forza repulsiva tra le loro cariche, divergono. Anche quando il corpo elettrizzato è allontanato dall’estremità dell’elettroscopio le foglioline rimangono aperte, il che dimostra che su di esse è rimasta una parte della carica del corpo elettrizzato. Se avviciniamo un elettroscopio carico positivamente ad un corpo carico negativamente noteremo una diminuzione della divergenza delle foglioline.

il diversi materiali sono comunemente classificati, dal punto di vista del comportamento elettrico, in isolanti e conduttori. Nei metalli la carica elettrica prodotta in una regione si propaga in tutto il corpo, mentre nella plastica lo stato elettrico rimane localizzato al punto in cui è stato prodotto. Tutti i corpi che si comportano come i metalli sono detti conduttori, mentre quelli che si comportano come la plastica sono detti isolanti.

Elettrizzazione per strofinio: esperimento

ELETTRIZZAZIONE

STUDIO DEI FENOMENI DI ELETRIZZAZIONE - Tutti i corpi allo stato neutro hanno un ugual numero di elettroni e di protoni. Qualsiasi fenomeno di elettrizzazione va interpretato come un’alterazione di questo equilibrio; più precisamente l’elettrizzazione è lo spostamento da un corpo ad un altro di un certo numero de elettroni.
Per poter elettrizzare un corpo esistono tre metodi:
Strofinio: se strofiniamo un corpo con un panno accade che il corpo si carica e il panno anche, ma di segno opposto. È avvenuto un trasferimento di elettroni dal corpo al panno.
Contatto: se mettiamo a contatto un corpo carico con uno scarico, c’è una distribuzione di elettroni, non c’è un cambiamento di cariche, un trasferimento.

Alessandro Volta e la pila: biografia e invenzioni