Corrente elettrica, appunti

Appunto inviato da nani
/5

La corrente elettrica nei conduttori solidi, generatori di tensione, circuiti elettrici, leggi di Ohm, collegamenti in serie e in parallelo, corto circuito, effetto Joule, potenza elettrica e chilowattora (9 pagine formato doc)

CORRENTE ELETTRICA

La corrente elettrica:
•    Prima che si raggiunga l’equilibrio c’è un intervallo di tempo dove il livello del fluido non è uguale.
•    Il verso del movimento del fluido va dal vaso a livello maggiore (A) verso quello con livello minore (B).


•    Se voglio mantenere il dislivello devo prendere il fluido da B e riportarlo in A. Interviene l’ambiente esterno (la pompa)
•    L’energia della pompa va:
•    guadagno = movimento del fluido (energia meccanica)
•    energia termica dovuta agli attriti interni della pompa e agli attriti sviluppatisi nei vasi
ANALOGIA:
•    pompa = generatore di corrente
•    vasi = filo
•    movimento dell’acqua = corrente
•    Come nei vasi, anche nel filo ci deve essere un dislivello; se non metto un generatore di corrente, il movimento di elettroni finisce.

Corrente elettrica: intensità, resistenza e differenza di potenziale

CORRENTE ELETTRICA: SPIEGAZIONE SEMPLICE

BILANCIO ENERGETICO:
•    energia elettrica = energia chimica
•    energia meccanica = energia elettrica
•    energia termica = energia termica
EFFETTO JOULE
Descrive la perdita di energia termica in un circuito
LA CORRENTE ELETTRICA NEI CONDUTTORI SOLIDI
E’ un movimento ordinato di cariche (elettroni) sotto l’azione di un campo elettrico.
Prendiamo un filo di materiale conduttore, per esempio rame.
1) Se sul filo non viene applicato un campo elettrico, gli elettroni oscillano da uno ione all’altro.

C’è un movimento disordinato di cariche.
2) Se esercito l’azione di un campo elettrico l’elettrone si muove secondo l’azione della forza; la forza è diretta verso il senso opposto. C’è un movimento ordinato di cariche.

CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

Il secondo caso descrive ciò che avviene al passaggio della corrente.
•    si definisce intensità della corrente elettrica il rapporto tra la quantità di carica Q, che attraversa la sezione trasversale di un conduttore in un intervallo di tempo t, e lo stesso intervallo t:
•    si misura in ampere (A), cioè C/sec
La corrente elettrica può cambiare da istante a istante. Quando l’intensità della corrente si mantiene costante nel tempo, si dice che la corrente è continua. In questo caso la quantità di carica Q che attraversa la sezione trasversale del conduttore è direttamente proporzionale all’intervallo di tempo t; infatti:
dove i è una costante.
VERSO DELLA CORRENTE ELETTRICA
Seguendo una vecchia usanza, si sceglie come verso della corrente elettrica quello che va da punti a potenziale alto a potenziale basso. Si tratta di una semplice convenzione, che ha solo lo scopo doi fissare le idee. In realtà gli elettroni vanno dai punti a potenziale minore a quelli a potenziale maggiore

INTENSITA' DI CORRENTE ELETTRICA

GENERATORI DI TENSIONE
•    La corrente elettrica fluisce in un conduttore fintanto che ai suoi capi esiste una differenza di potenziale. Per mantenere questa differenza serve un generatore di tensione, che può essere una pila, una dinamo della bici.
•    Ogni generatore ha due morsetti con cui si collega ai conduttori:
•    il polo positivo (+) che si trova a potenziale elevato
•    il polo negativo (-) che è a potenziale più basso
•    All’interno dei generatori agiscono delle forze che in generale non sono di natura elettrica (chimica, magnetica..)