Dilatazione lineare dei metalli: relazione

Appunto inviato da snd
/5

Esperienza di laboratorio sulla dilatazione lineare dei metalli dovuta ad un aumento di temperatura (2 pagine formato doc)

DILATAZIONE LINEARE DEI METALLI

Esperienza di laboratorio 2. Fenomeno osservato: Dilatazione lineare di alcuni oggetti di metallo dovuta ad un aumento di temperatura
Obiettivo: Determinare sperimentalmente i coefficienti di dilatazione lineare di ferro, alluminio e ottone
Materiali:
• Tubo di ferro
• Tubo di alluminio
• Tubo di ottone
• Beuta
• Tubo in gomma
• Piastra elettrica
• Tappo forato
• Acqua
• Sostegno per beuta
• Dilatometro
Strumenti:
• Comparatore (s=0,01 mm)
• Termometro (s=0,2ï‚°C – portata=110ï‚°C)

Calcolo del coefficiente di dilatazione lineare di alcuni materiali: relazione

DILATAZIONE TERMICA LINEARE RELAZIONE

Descrizione della prova:
- Riempire la beuta di acqua
- Chiuderla col tappo e inserire il tubo di gomma nel foro
- Appendere la beuta al sostegno di ferro
- Appoggiare la beuta sulla piastra accesa
- Inserire un tubo nel dilatometro
- Stringere il tubo ad una estremità con la vite
- Posizionare il comparatore in modo che sia appoggiato alla stanghetta
- Inserire il tubo di gomma nel tubo metallico
- Attendere fino a quando il vapore non esce dalla estrermità libera del tubo metallico
- Quando la lancetta del comparatore si ferma leggere il valore L
- Ripetere la prova due volte per ogni metallo
- Inserire i dati raccolti in una tabella
- Elaborazione dati
- Determinazione del coefficiente del metallo
- Determinazione dell’errore sperimentale
Il comparatore è uno strumento che permette di misurare variazioni di lunghezza nell’ordine dei centesimi di millimetro.

E’ formato da un pistoncino molto sensibile collegato con una lancetta che permette di leggere il valore.
Il dilatometro è un supporto metallico formato da una sede per il tubo metallico e una per il comparatore che ci permette di misurare le variazioni di lunghezza derivate da una dilatazione lineare.
Conclusioni - Gli errori sono stati introdotti principalmente da un uso impreciso del comparatore, ma le pecche sono state “mascherate” dalla sensibilità non sufficiente del nostro strumento.

La dilatazione termica lineare: relazione

.