Galvani e l'elettricità animale: riassunto breve

Appunto inviato da
/5

Breve riassunto sulle ricerche di Luigi Galvani e lo studio dell'elettricità animale (1 pagine formato doc)

GALVANI E L'ELETTRICITA' ANIMALE

Galvani e l’“elettricità animale”. Nel ‘700, quando l’elettricità era ancora un vasto continente quasi inesplorato, per fare ricerca bastava avere una macchina elettrostatica, corredata di qualche bottiglia di Leida e di vari corpi conduttori e isolanti.

L’elettrologia viveva allora la sua infanzia felice e la fantasia degli sperimentatori non doveva obbedire al rigore imposto da una scienza adulta e codificata; pertanto gli effetti dell’elettricità furono sperimentati nelle situazioni più impensate: l’abate Nollet, per esempio, tentò con l’elettricità di guarire i paralitici, di accelerare la crescita dei piccioni e di abbreviare il tempo di germinazione dei semi.

Storia dell'elettricità: tesina

LUIGI GALVANI RIASSUNTO

Naturalmente non tutti questi tentativi ebbero successo. Alcuni,tuttavia, indicarono possibili applicazioni della fisica alla biologia; altri portarono, anche se indirettamente, a nuove fondamentali scoperte,come famosi esperimenti condotti da Luigi Galvani.
Galvani aveva iniziato una serie di prove per stabilire l’influenza dell’elettricità sull’attività nervosa degli animali e,in particolare,delle rane.
Durante uno dei suoi esperimenti egli fece quasi per caso una singolare scoperta,che così ci descrive:

Alessandro Volta: biografia e invenzioni

LUIGI GALVANI ESPERIMENTO RANA

Avevo dissezionato e preparato una rana e l’avevo posta su un tavolo sul quale,ad una certa distanza dalla rana,c’era una macchina elettrostatica.

Accadde per caso che uno dei miei assistenti toccasse il nervo crurale interno della rana con la punta dello scalpello;in seguito a ciò i muscoli delle gambe della rana si contrassero violentemente.[…]Ad un altro di coloro che mi aiutavano negli esperimenti elettrici parve di vedere in quell’istante una scintilla partire dal conduttore della macchina. A quel tempo ero occupato in tutt’altri studi;ma quando egli attirò la mia attenzione su questo fatto,desiderai fortemente di provarlo personalmente e di scoprire il suo principio nascosto. Così anch’io toccai uno dei nervi crurali con la punta dello scalpello nello stesso istante in
cui uno dei presenti faceva partire una scintilla;e lo stesso fenomeno si <ripeté esattamente come prima”.

Galvani spiegò il fenomeno con l’ipotesi di un’elettricità contenuta nell’animale.Questa idea trovò molti seguaci.soprattutto fra i fisiologi, ma anche agguerriti oppositori,come Alessandro Volta,a quel tempo professore di fisica presso l’Università di Pavia e già noto per i suoi esperimenti nel campo dell’elettricità.

Tutto su Alessandro Volta