Origine dell'Europa: riassunto

Appunto inviato da biolas
/5

Parte storica sull'origine dell'Europa, dal "Mediterraneo culla della civiltà" alla caduta dell'Impero Sovietico. Riassunto breve sull'origine dell'Europa (7 pagine formato doc)

ORIGINE DELL'EUROPA: RIASSUNTO

Le origini dell'Europa.

Introduzione - L’Italia è il risultato di un cammino storico e culturale molto antico, iniziato con la colonizzazione della parte occidentale del continente da parte dei Romani, proseguendo poi con la diffusione del cristianesimo e del feudalesimo. L’Europa, patria dell’umanesimo, della scienza moderna e dell’illuminismo entra in cristi nel XX secolo soffrendo le conseguenze delle due guerre mondiali.
Il Mediterraneo culla di civiltà. Nella storia dell’Europa, il bacino del Mediterraneo ha avuto un ruolo centrale.

Dopo essersi stanziati lungo le coste del Mediterraneo, alcune gruppi umani provenienti dall’Africa iniziarono a dedicarsi all’agricoltura e all’allevamento.
Il Mediterraneo costituiva una facile e importante via di comunicazione facilmente navigabile.
Le grandi civiltà agricole e commerciali che si svilupparono sulle sponde del Mediterraneo erano tecnologicamente e culturalmente più evolute, conferendo una posizione di supremazia nei confronti del continente europeo.
Nel corso del tempo prevalsero diversi popoli: Egizi, Fenici, Cartaginesi, Ebrei, Greci, Etruschi e Romani.

Radici dell'Europa: tema svolto

NASCITA DELL'EUROPA: RIASSUNTO

LA CIVILTÀ GRECO-ROMANA
I Greci e i Romani furono protagonisti di una vasta opera di colonizzazione, indelebile per la civiltà europea.
I Greci costituirono le poleis, le città-Stato, permettendo la nascita e lo sviluppo di un’idea di cittadinanza che garantiva la libertà d’iniziativa economica e di espressione politica (democrazia = potere del popolo). Con questo popolo, sorgono delle espressioni culturali come la matematica, la geometria e la filosofia, grazie alla quale sono stati chiariti i concetti fondamentali della politica e della morale.
I Romani crearono un ordinamento dello Stato (efficienti istituzioni, un esercito stabile e ben organizzato, un buon sistema fiscale) e un sistema giuridico in grado di garantire il controllo dell’intero territorio. Essi rappresentarono una civiltà di tipo urbano.

IL CRISTIANESIMO
Il cristianesimo è un elemento essenziale della cultura europea. Le questioni sorte con questa religione rappresentano il fondamento della cultura europea.
Nel 313, con l’editto dell’imperatore Costantino, fu proclamata religione ufficiale dell’impero.
Il cristianesimo recepì dalla civiltà romana la struttura organizzativa del potere, cominciando a distinguere con chiarezza il potere temporale e potere spirituale.

Radici cristiane dell'Europa e Benedetto XVI: riassunto

QUALI SONO I CONFINI DELL'EUROPA

L’INCONTRO CON I BARBARI
L’Europa ad est è aperta all’Asia con un lungo confine che è stato varcato da numerosi popoli.
Il confine romano, che da tempo era stato attraversato da popoli germanici visti come alleati militari, fu travolto in definitiva a partire dal 405.
Franchi, Alemanni, Goti, Burgundi, Longobardi altri popoli delle steppe orientali come gli Unni divennero padroni dell’Europa.
La causa principale del crollo dell’Impero fu una crisi agraria e commerciale con conseguente aumento dei prezzi e lo spopolamento delle città.
Ma la potenza culturale dell’Impero ebbe la vittoria sui Barbari. Nel cuore dell’Europa, i Franchi, convertiti al cristianesimo, nell’800, con Carlo Magno, spostarono la frontiera dell’Europa sempre più verso est.