La Cina: riassunto di geografia

Appunto inviato da adreanthea
/5

Riassunto di geografia umanistica sulla Cina: territorio, popolazione, lingua, religione, istruzione, cultura, ordinamento dello Stato e storia (10 pagine formato doc)

CINA: RIASSUNTO DI GEOGRAFIA

Cina.

La Cina è lo stato più popoloso del mondo e il terzo per estensione;con un miliardo e duecentomila persone i cinesi costituiscono un quinto della popolazione mondiale.
La superficie del paese è di circa 9.536.499 kmq, la capitale è Pechino. Il nome del paese (Zhonghua, terra centale) deriva dall’antichissima credenza che esso fosse geograficamente il centro della terra e sede dell’unica ed autentica civiltà.

Cina contemporanea: tesina di storia economica

CINA TERRITORIO

TERRITORIO
Il territorio cinese è in prevalenza montuoso; la conformazione del territorio è complessa e solo il 12% della superficie complessiva del paese può essere considerata pianeggiante.
E’ delimitato a nord dalla Mongolia e dalla Russia; a nord-est dalla Russia e dalla Corea del Nord; a est dal Mar Giallo e dal Mar Cinese orientale; a sud dal Mar Cinese meridionale, dal Vietnam, dal Laos, dal Myanmar, dall’India, dal Bhutan e dal Nepal; a ovest dal Pakistan, dall’Afghanistan e dal Tagikistan; a nord-ovest dal Kirghizistan e dal Kazakistan.
La Cina può essere suddivisa i sei grandi regioni fisiche, differenti tra loro per confprmazione territoriale e per minoranze etniche:
1.    Il Nord-Ovest
2.    La Mongolia Interna
3.    Il Nord-Est
4.    Cina settentrionale
5.    Il Sud-Ovest
6.    Cina Meridionale

Il 900 in Cina: riassunto e cronologia

RIASSUNTO DELLA CINA GEOGRAFIA

POPOLAZIONE
Il 93% della popolazione cinese appartiene al gruppo HAN, ossia i cinesi, relativamente omogeneo; tuttavia più di 70 milioni di persone appartengono a oltre cinquanta etnie, che si distinguono dagli han più per ragioni linguistiche e religiose che per caratteristiche razziali, e vengono collocate nel gruppo di cittadini NON-HAN. Le minoranze etniche più importanti sono i Zhuang,i Mancasi,gli Hui,i Miao, gli Uiguri, gli Yi,i Tujia,i Mongoli,i Tajiki,gli Jino,gli Hezen; un simile caleidoscopio di etnie che ha in comune ben poco.

Le minoranze possono a ragione essere considerate uno dei fattori cruciali dell’esistenza della stessa Cina: vivendo nei loro territori, insediati alle porte del paese, hanno da sempre controllato le periferie che, nella visione della stessa civiltà cinese, non sono mai state considerate un elemento secondario, essendo la storia di questo paese sempre stata segnata profondamente dal rapporto con i propri “limiti”.