Riscaldamento globale

Appunto inviato da lusaziel
/5

Note e considerazioni personali su uno dei problemi più pressanti per le future generazioni (1 pagine formato doc)

Senza dubbio, la terra si sta riscaldando sempre più velocemente.
Le domande che ci dobbiamo porre ora sono: quanto del riscaldamento globale è colpa nostra? Siamo disposti a rallentare lo scioglimento dei ghiacci tenendo a freno il nostro insaziabile appetito di combustibili fossili?


Fatevi un'idea di cosa vi aspetta, leggendo questo convincente estratto.

Il riscaldamento globale può sembrare un problema troppo remoto per preoccuparsene, o troppo confuso: qualcosa inventato dagli stessi sistemi informatici che spesso non indovinano neppure che tempo farà la settimana prossima. Se è una fredda giornata d'inverno, si può pensare che qualche grado in più non faccia poi tanto male.
E certamente, gli avvertimenti sul cambiamento climatico posso sembrare una tattica intimidatoria di ambientalisti, che ci vogliono obbligare ad abbandonare le auto a casa e a sconvolgere il nostro stile di vita.

Pensieri confortanti, forse. Ma leggete "Geo Segnali", il primo capitolo nel nostro servizio sui cambiamenti climatici. La Terra ha in serbo notizie allarmanti per noi.

Dall'Alaska alle vette innevate delle Ande, il mondo si sta riscaldando velocemente, persino in questo stesso momento. Globalmente, la temperatura è più alta di 1 ° F (5° C) dal secolo scorso, ma in alcuni freddi e remoti angoli della terra si è alzata molto di più. Le conseguenze non sono certo piacevoli: i ghiacci si sciolgono, i fiumi si seccano, le coste si erodono, minacciando le comunità. Anche la flora e la fauna soffrono per il caldo, come si può leggere in "Eco Segnali": queste non sono previsioni, ma dati di fatto.

Generalmente, i cambiamenti restano fuori dal nostro orizzonte, ma non devono essere per questo esclusi dalla nostra mente: sono presagi di ciò che attende il resto del pianeta.

Aspetti un attimo, potrebbe dirmi qualche dubbioso. Il clima è noto per essere mutevole. Qualche centinaio di anni fa, l'Europa era florida e in Inghilterra crescevano le viti; in quattrocento anni, il clima si è raffreddato, e il Tamigi si è ghiacciato numerose volte. Forse, il riscaldamento climatico attuale non è che un altro capriccio della natura, semplicemente, un fatto di passaggio?

Non siatene troppo certi, risponderebbero i climatologi. Certo, i naturali ritmi del clima potrebbero spiegare alcuni dei segnali di allarme che si leggeranno nelle pagine seguenti. Tuttavia, è qualcos'altro la causa della febbre dell'intero pianeta.