Torino

Appunto inviato da allupatodoc
/5

Brevi annotazioni sulla storia della città piemontese (2 pagine formato doc)

Torino è il capoluogo del Piemonte.
È situata nel punto di passaggio tra la pianura e i valichi alpini che conducono in Francia. La città si estende prevalentemente lungo la riva sinistra del Po, nel tratto in cui si incontrano tre suoi affluenti: la Dora Riparia, il Sangone e la Stura di Lanzo.
Torino ha una popolazione di 900.000 abitanti, ma con l'hinterland raggiunge 1 milione e mezzo di abitanti; è la quarta città d'Italia per popolazione.

Torino fu fondata dai romani nel 28 a.C., probabilmente nel medesimo luogo dove, in precedenza, si era insediata la popolazione celtica dei galli taurini. Alla nuova colonia fu dato il nome di Augusta Taurinorum, e nel corso dell'età imperiale fu un importante punto di controllo delle strade che portavano verso la Gallia.
Dopo la caduta dell'impero romano d'Occidente (476 d.C.), Torino conobbe molte dominazioni: fu un'importante base militare bizantina, poi divenne sede di ducato con i longobardi e sede di contea con i franchi (dal 773).
Nel IX e X secolo fu controllata dagli Ottoni, gli imperatori della dinastia sassone a capo del Sacro romano impero.

Nel 1280 i conti di Savoia acquisirono stabilmente la signoria della città. Sotto la loro guida fu avviata la costruzione di uno stato del quale, nel 1563, Torino fu proclamata capitale: il Ducato di Savoia.
Nel 1720 divenne la capitale del nuovo Regno di Sardegna che, oltre all'isola, comprendeva la Savoia, Nizza e parte del Piemonte.

Durante la Rivoluzione francese venne unita alla Francia e ritornò ai Savoia nel 1814. Con Vittorio Emanuele II e l'intelligente guida politica di Cavour, Torino fu uno dei centri propulsori dell'unificazione italiana. Dal 1861 al 1865 fu la capitale del neonato Regno d'Italia.
Torino si affermò come centro industriale sin dal Cinquecento, quando vi sorsero i primi opifici (cioè, le antiche fabbriche). Lo sviluppo industriale della città crebbe nei secoli, interessando i settori più diversi: tessile, siderurgico, metallurgico, grafico-editoriale, dell'abbigliamento, del mobile. Alla fine dell'Ottocento, i settori metallurgico e meccanico erano particolarmente fiorenti.

Nel 1899 venne fondata la FIAT (la sigla significa: Fabbrica Italiana Automobili Torino), che tanta parte ebbe nello sviluppo italiano del secondo dopoguerra. Parallelamente alla FIAT, a Torino si sviluppò un fiorente indotto legato alla costruzione di componenti e accessori per auto.
Negli anni Sessanta, in pieno boom economico, le industrie di Torino richiamarono dalle regioni del Mezzogiorno migliaia di persone in cerca di lavoro. La forte immigrazione accrebbe rapidamente il numero degli abitanti della città, che si estese al punto di assorbire anche i paesi circostanti.