I fiumi europei

Appunto inviato da love4life
/5

Schema che distingue i fiumi in base ai mari in cui sfociano (1 pagine formato doc)

Untitled I fiumi europei si possono dividere in versanti idrografici, secondo i mari nei quali sfociano: Oceano Atlantico: Hanno una portata regolare, avendo un regime oceanico o semioceanico (piovosità regolare) Sono facilmente navigabili, perché le aree che attraversano hanno dislivelli scarsi Sfociano a estuario, quindi sono aree potenzialmente portuali Hanno corsi lunghi Un esempio è il fiume Reno Mari del Nord: Sono lunghi Hanno la massima portata nelle stagioni calde Sono navigabili, ma hanno il problema del gelo, che blocca il corso per lunghi periodi Sono poco importanti per l'economia Mar Mediterraneo: Hanno regimi irregolari Hanno corsi brevi Hanno foci a delta, di solito non sfruttabili come aree portuali Sono soggetti a piene che causano difficoltà all'insediamento umano e richiedono opere di arginatura per evitare alluvioni e inondazioni Nella stagione estiva le portate si riducono notevolmente (a volte si arriva alla secca) Sono sfruttati soprattutto per la produzione di energia idroelettrica e per l'irrigazione Mar Nero e Mar Caspio: Hanno la foce a delta in un mare poco importante A volte ghiacciano Hanno corsi più lunghi Hanno maggiore portata Un esempio è il Danubio .