La Repubblica Slovacca

Appunto inviato da
/5

Notizie storiche e geografiche sulla Repubblica Slovacca (3 pagine formato doc)

REPUBBLICA SLOVACCA

Repubblica Slovacca.


Repubblica (Slovenská Republika) dell'Europa centrale.
Superficie: 49.036 km2.
Popolazione: 5.347.000 ab.
Capitale: Bratislava.
Lingua: slovacco.
Religione: cattolica.
Unità monetaria: la corona slovacca. Confini: confina a nord-ovest con la Repubblica Ceca, a nord con la Polonia, a est con l'Ucraina, a sud con l'Ungheria e a ovest con l'Austria. Ordinamento: indipendente dal 1993 dopo la scissione della Cecoslovacchia, ha un Parlamento (Consiglio nazionale), che elegge il presidente della repubblica. Amministrativamente si divide in quattro province.

Storia dell'Unione Europea

SLOVACCHIA: GEOGRAFIA

GEOGRAFIA - Il territorio slovacco appare accidentato e risulta essenzialmente costituito dalle catene cenozoiche dei Carpazi Occidentali che formano qui due serie di pieghe: un arco esterno, comprendente i Piccoli Carpazi, i Carpazi Bianchi e i Beskidi; e un arco interno che il solco percorso dal Váh e dal tratto superiore del Hornád divide in Alta Tatra e Bassa Tatra cui si ricollegano alcune catene minori, quali i Monti Metalliferi Slovacchi.

Due ricche pianure fiancheggiano i contrafforti meridionali dei Carpazi: a sud-est, verso il Tibisco, la piana di Michalovce; a sud-ovest, fino al Danubio, quella di Bratislava, la più vasta pianura slovacca. La Slovacchia presenta un clima continentale con differenze sensibili da zona a zona per la presenza dominante dei rilievi. Sui monti investiti da venti atlantici, le precipitazioni sono copiose, superando ovunque i 1000 mm annuali; sui Tatra si registra il massimo di piovosità, mentre verso il Danubio si hanno condizioni di accentuata aridità, che preannunciano la pianura pannonica. Il manto forestale è ben mantenuto, esso ricopre i fianchi dei monti con boschi di faggi e querce fino ai 1200 m, di conifere a quote più elevate e sino ai 1500-1600 m. Scarsa è invece la vegetazione nei bassopiani, assumendo caratteri decisamente steppici nelle aree più interne. I principali fiumi slovacchi confluiscono nel Danubio, che traccia un tratto del confine con l'Ungheria. Tra essi, il Váh, l'Hron e l'Hornád raccolgono le acque della regione carpatica; il Poprad tributa invece alla Vistola. Nonostante la posizione marginale la più importante via d'acqua è il Danubio, idrovia commerciale interna largamente utilizzata e che, soprattutto mediante il porto di Bratislava, favorisce gli scambi con gli altri Paesi dell'Europa centrale. Gli abitanti sono Slovacchi per l'85,6%; il 10,7% è rappresentato da Magiari, mentre Zingari, Cechi e altri costituiscono minoranze marginali. L'attuale densità è inferiore ai valori medi dell'Europa centrorientale (107 ab/km2), toccando nelle più inospitali aree carpatiche i minimi di 20-30 ab/km2.

SLOVACCHIA ECONOMIA

ECONOMIA - In Slovacchia la nascita e lo sviluppo delle città sono stati ostacolati da un'economia rimasta prevalentemente rurale. Fanno eccezione Bratislava, dove la grande espansione urbana cominciò dopo l'installazione delle industrie, e Kosice, situata lungo la via di comunicazione tra la valle ungherese del Tibisco e la pianura russo-polacca. L'allevamento discretamente sviluppato, comprende bovini, suini e ovini. Le foreste, che coprono circa un terzo del territorio, hanno fornito 4.400.000 m3di legname del 1991. Il sottosuolo offre giacimenti di carbone, ferro, rame. L'energia elettrica (24.000 mil. di kWh nel 1990) alimenta industrie metalmeccaniche, alimentari, tessili, chimiche e cartarie. Le comunicazioni si avvalgono di 3650 km di ferrovie e di 17.800 km di strade. Due gli aeroporti principali, a Bratislava e Kosice.

SLOVACCHIA: STORIA

STORIA - Il territorio, abitato originariamente da Celti, poi da Germani, Quadi e Marcomanni, fu invaso nei sec. III e IV da Gepidi, Goti, Unni e infine dalla tribù degli Slovacchi. Alla fine della prima guerra mondiale si formò uno Stato comune ceco e slovacco, finché nel 1939 venne proclamato uno Stato slovacco, che rientrò nella Repubblica cecoslovacca nel 1945. Le due distinte entità che componevano quest'ultima portarono nel 1990 ad adottare la denominazione di Repubblica federativa Ceca e Slovacca, cosa che non poteva tuttavia placare le crescenti spinte separatiste presenti soprattutto in Slovacchia.