La Risorsa Petrolio

Appunto inviato da deda07
/5

Approfondita ricerca sul petrolio, ideale per ricerche scolastiche o approfondimenti. (4 pagine formato doc)

IL PETROLIO IL PETROLIO CHE COS'è UNA RISORSA Risorsa è un qualsiasi elemento della natura che gli uomini possono utilizzare per soddisfare i propri bisogni.
E' una risorsa anche il frutto del lavoro delle generazioni precedenti che continua a rivestire utilità. Ciò significa che possiamo distinguere le risorse in naturali (i minerali, il suolo, i vegetali, gli animali, l'acqua, l'aria e l'energia del Sole) e antropiche (infrastrutture, fabbriche, edifici, patrimonio di conoscenze e la tecnologia, cioè frutti del lavoro dell'uomo). Inoltre, le risorse possono essere rinnovabili o non-rinnovabili; alle prime appartengono quelle consumabili senza il timore che si esauriscano: ne è un esempio l'energia solare. Le seconde, viceversa, che si distruggono col loro impiego e sono destinate ad esaurirsi, tra le quali vanno ricordate le fonti energetiche fossili come petrolio, metano, carbone.
CHE COS'è IL PETROLIO? Conosciuto sin dall'antichità, il petrolio (il cui nome deriva dal latino petra, pietra e oleum, olio), è stato utilizzato per secoli come medicamento, lubrificante o combustibile per illuminazione. Solo all'inizio di questo secolo cominciò ad essere utilizzato come carburante per motori a combustione interna. Il petrolio naturale è un liquido denso di colore scuro, infiammabile, dall'odore pronunciato e caratteristico. La sua densità varia tra 0,8 e 0,95 g/cm, ed è composto prevalentemente da una miscela di idrocarburi (sostanze organiche costituite fondamentalmente da carbonio e idrogeno). Tutti i tipi di petrolio sono costituiti principalmente da una miscela di idrocarburi ( sostanze chimiche organiche, le cui molecole sono formate esclusivamente da atomi di carbonio e idrogeno), anche se solitamente contengono anche ZOLFO e OSSIGENO. I costituenti del petrolio sono sia liquidi che solidi, in diversa percentuale, quindi la consistenza dei derivati è molto variabile: varia dai liquidi fluidi, come la benzina, a liquidi densi, come il bitume. Nel petrolio si trovano disciolte anche rilevanti quantità di particelle gassose, soprattutto quando un giacimento di petrolio è associato a uno di gas naturale. LA CLASSIFICAZIONE Per comodità il petrolio viene diviso in tre classi principali, a seconda del tipo di idrocarburo prevalente: petroli a base paraffinica, costituiti prevalentemente da paraffine, quelli a base naftenica, costituiti prevalentemente da nafteni e quelli a base mista dove le percentuali dei due idrocarburi sono circa uguali. Sono molto più pregiati e rari i petroli della ” quarta classe”, detti a base aromatica, perché costituiti prevalentemente da idrocarburi aromatici . LA FORMAZIONE Il petrolio si forma sotto la superficie terrestre a causa della decomposizione di organismi marini o, in misura minore, di organismi terrestri trasportati in mare da corsi d'acqua. I resti della decomposizione si mescolano con le sabbie finissime e con il limo del fondo del mare, in zone non caratterizzate da forti correnti, formando co