San Marino

Appunto inviato da
/5

Notizie storiche e geografice su San Marino. (file .doc, 1 pag) (0 pagine formato doc)

San Marino San Marino Repubblica indipendente (Repubblica di San Marino) che costituisce una enclave nel territorio dell'Italia, tra l'Emilia-Romagna e le Marche.
Superficie: 60,57 km2. Popolazione: 24.000 ab. Capitale: il centro omonimo di 4600 ab. Lingua: italiano. Religione: cattolica. Unità monetaria: la lira italiana. Ordinamento: il potere legislativo è esercitato dal Consiglio Grande e Generale (60 membri); quello esecutivo da un Congresso di Stato. I capitani reggenti, eletti ogni sei mesi, hanno il mandato di rappresentanza. GEOGRAFIA Il territorio è dominato dall'aspro rilievo calcareo del monte Titano (738 m), sulle cui pendici sorge il capoluogo. Il clima è temperato.
Oltre che sull'agricoltura (cereali, vini, frutta, ortaggi) e sull'allevamento del bestiame, San Marino basa la sua economia sul turismo, su un artigianato fiorente nella produzione di oggetti-ricordo. La copiosa emissione di francobolli costituisce pure una voce cospicua nell'economia del Paese. STORIA La leggenda vuole che un tagliapietre cristiano di nome Marino venuto (IV sec.) dall'isola di Arbe si fosse ritirato, per sfuggire alle persecuzioni, sul monte Titano, creandovi una comunità di cristiani e formando un paese, che prese poi il nome del fondatore. Fino al X sec. la popolazione si resse con proprie leggi, poi sulla base di quelle longobarde. Nell'XI sec. San Marino si ordinò a comune con statuti e consoli propri; nel 1462, raggiunta l'attuale estensione, assunse la denominazione di Repubblica e grazie alle alleanze contratte rafforzò la propria posizione politico-militare. L'indipendenza del piccolo Stato, già riconosciuta da Napoleone, fu ribadita (1815) dal Congresso di Vienna. Nel corso del XIX sec. la Repubblica concesse asilo politico a numerosi patrioti italiani; nel 1849 vi trovò rifugio anche Garibaldi. Dopo il 1861 San Marino seguì più o meno le vicende del Regno d'Italia. Nel 1944 il territorio ospitò un numero rilevante di profughi, e fu soggetto a bombardamenti e distruzioni. Nel 1992 è diventato membro dell'ONU.