Settore secondario e terziario

Appunto inviato da
/5

Ricerca su settore secondario e terziario.(5 pagine, formato word) (0 pagine formato doc)

DALLA MANIFATTURA ALLA FABBRICA DALLA MANIFATTURA ALLA FABBRICA L'affermazione del lavoro in fabbrica ha rivoluzionato enormemente il le abitudini degli uomini che lavoravano in ambienti rurali o comunque lavoravano come piccoli artigiani.
Il nuovo sistema industriale non produceva solo prodotti per l'autoconsumo ma anche prodotti destinati al mercato. Il fenomeno che dette avvio effettivamente al grande sviluppo industriale fu la rivoluzione industriale che si sviluppò tra l'inizio del 700 e la seconda metà del 800. Si sviluppò inizialmente in gran bretagna ma interesso anche l'europa e poi il pianeta. Prima di allora l'attività tessile rappresentava l'attività + importante, il lavoro veniva organizzato da un mercante che frammentava le diversi fasi di lavorazione e le distribuiva a domicilio.
La produzione di lana era concentrata soprattutto nei paesi bassi, in francia, le fiandre, in italia(in toscana) C'era anche un'altra importante produzione, quella metallurgica, soprattutto di ferro vicino ai giacimenti minerari, che aveva già un'organizzazione industriale soprattutto con operai salariati. Nell' 8 secolo in europa si spostò anche il baricentro economico che dall'area mediterranea si spostò + a nord, intorno alla gran bretagna , francia e germania. Inoltre dalla manifattura si passò alla vera e propria fabbrica. ETA' DELLA FABBRICA La rivoluzione industriale si sviluppò prima di tutto il inghilterra soprattutto perchè la borghesia era forte ma i fattori che contribuirono alla nascita della rivoluzione industriale sono: la rivoluzione agraria furono introdotte nuove rotazioni e nuovi prodotti agricoli importati dall'america (mais) che diminuirono le carestie. Non sono da tralasciare le “recinzioni” . la crescita demografica aumentarono le nascite ma diminuirono le morti, soprattutto grazie alle migliori condizioni igieniche. La nascita del proletariato urbano molte persone non trovando lavoro nelle campagne e si riversano nelle città. L'accumulo di capitale mercantile lo sviluppo dei commerci aveva permesso l'arricchimento della classe mercantile aveva permesso l'investimento di capitali anche nel settore agricolo. La disponibilità di materie l'inghilterra aveva disponibilità di carbone e ferro e questo contribuì al grande sviluppo dell'industria siderurgica di base. Inoltre grazie ai possedimenti coloniali c'era una vasta disponibilità di materie prime La posizione geografica la posizione dell'inghilterra è favorevole perchè ha molti porti. La nobiltà è anche imprenditrice contrariamente al resto dell'europa la nobiltà è attiva e non vive solo di rendita. L'affermazione del pensiero scientifico non si era + legati alle verità della chiesa. La mentalità aperta alle novità la mentalità soprattutto della borghesia che fu anche la fautrice della rivoluzione contribuì allo svilupparsi di questo fenomeno che avvenne anche grazie ai principi della religione protestante secondo la quale intraprendere delle attività era un volere di dio