Che cos'è il sottosviluppo: riassunto

Appunto inviato da trino
/5

Che cos'è il sottosviluppo: origini del problema, definizione e il sottosviluppo in Africa (6 pagine formato doc)

CHE COS'E' IL SOTTOSVILUPPO: RIASSUNTO

Il sottosviluppo.

L'origine del problema. La coscienza di una grave ingiustizia sociale a livello mondiale è storia recente, perché solo da una cinquantina di anni l'opinione pubblica dei Paesi economicamente sviluppati ha cominciato a capire che la distribuzione della ricchezza, del benessere, del cibo, delle risorse di base, della libertà dal bisogno favorisce in modo scandaloso un quarto appena dell'umanità, mentre almeno la metà della popolazione della Terra vive in condizioni di indigenza. Dalla metà del nostro secolo questa situazione di ingiustizia coinvolge emotivamente anche chi non ne è direttamente colpito e costringe tutti a prendere in qualche modo posizione nei riguardi di questo problema.
Quando la Seconda guerra mondiale ebbe termine, nel 1945, ebbe termine anche il modo di considerare i rapporti fra le diverse parti della Terra.
Fino a quando sussisteva un rapporto diretto fra colonizzatori e colonizzati era evidente che i primi non consideravano se stessi come ricchi e i secondi come poveri, anche perché il concetto di povertà non si adattava a definire la situazione di un territorio coloniale:una colonia era male organizzata, era poco utile, era arretrata ma mai povera, e i suoi abitanti erano inadatti a governarsi da soli, incivili etc.

Il sottosviluppo nel mondo: tesina


I PAESI SOTTOSVILUPPATI

I Paesi colonizzatori avevano sempre pronto l'alibi morale delle differenze razziali, per cui la popolazione mondiale si divideva in razze superiori e razze inferiori, e le prime avevano per legge di natura il primato sulle seconde.
Solamente con l'inizio degli anni Cinquanta il problema del sottosviluppo iniziò ad essere avvertito in modo nuovo.

Una pubblicazione delle Nazioni Unite nel 1951 cominciò a diffondere le statistiche dei redditi nazionali annui per abitante mostrando per la prima volta la grave ingiustizia.
Si cominciò così a pensare che nel mondo esisteva uno squilibrio gravissimo nella disponibilità delle risorse. Si cominciò a parlare di paesi del "Terzo Mondo".

Tesina sul sottosviluppo: cause e conseguenze


SOTTOSVILUPPO: DEFINIZIONE

UNA POSSIBILE DEFINIZIONE
Per rispondere a questa domanda bisogna tenere presente che l'uomo ha alcune necessità esistenziali di base e che, se non le soddisfa, avverte a livello conscio o subconscio una sensazione di pericolo e di grave insoddisfazione:in questa condizione egli deve dedicarsi primariamente a risolvere il problema di garantirsi la sopravvivenza immediata e per un certo tempo almeno nel futuro, tralasciando ogni altro interesse.
Fra queste esigenze di base quella avvertibile con più immediatezza e continuità è quella alimentare. L'uomo per vivere ha bisogno di assumere una quantità di calorie. Se non riceve con continuità questa dose di calorie, il suo corpo deperisce, si debilita e muore. Questo porta ad un indebolimento cronico, a una minore resistenza nei riguardi di molte malattie e a una riduzione della capacità lavorativa.
Ma le necessità esistenziali  di base per l'uomo non sono solo quelle alimentari...

Sviluppo e sottosviluppo: tesina terza media


SOTTOSVILUPPO IN AFRICA

LE REGIONI DEL SOTTOSVILUPPO: L’AFRICA
Fra tutte le parti del mondo, quella che presenta più diffusamente e con maggiore gravità le caratteristiche del sottosviluppo è certamente l’Africa. Ma se andiamo indietro solamente di alcuni decenni, troviamo un’Africa del tutto differente. L’Africa uscita dall’esperienza coloniale conservava ancora ricchezze immense: le sue risorse erano state appena sfiorate, vastissimi territori potevano ancora essere messi a cultura, idrocarburi, uranio, carbone garantivano energia in quantità illimitata, mari pescosissimi e pascoli poco sfruttati potevano fornire proteine per una popolazione molto più numerosa di quella allora esistente. Queste potenzialità lasciavano sperare in un futuro senza grandi problemi, con un moderato benessere diffuso su tutto il continente, con una rapida industrializzazione, commerci in espansione etc. etc.