Elementi del contratto : L'accordo

Appunto inviato da superlobo
/5

Appunto schematico sull'accordo tra le parti. (2 pagg., formato word) (0 pagine formato doc)

REQUISITI ESSENZIALI DEL CONTRATTO L'ACCORDO Tra le Parti.
È l'incontro delle manifestazioni di volontà delle parti; Il contratto si considererà concluso quando vi sarà piena e totale coincidenza fra proposta e accettazione; Se l'accettazione non è conforme alla proposta essa avrà valore di nuova proposta e richiede l'accettazione dell'originario proponente Il mancato accordo su punti ancora da concordare farà saltare anche i punti già concordati, salva l'eventuale responsabilità precontrattuale per violazione del principio di buona fede nelle trattative (1337 c.c.) della parte che senza giustificato motivo abbia interrotto le trattative contrattuali; ESPRESSO: la volontà delle parti è dichiarato per iscritto o oralmente, o con qualsiasi altro segno. TACITO: la volontà non è dichiarata ma si desume da un comportamento detto “concludente”.
SILENZIO ASSENSO: il silenzio ha valore di assenso solo se le circostanze in cui è osservato o che lo accompagnano siano tali da attribuirgli il significato di comportamento concludente. PRINCIPIO DELLA COGNIZIONE: il contratto è da considerarsi concluso quando c'è obiettiva coesistenza di volontà conforme e quando ciascuna parte sia a conoscenza della volontà dell'altra Art. 1327: 1° co: il proponente può chiedere o la natura dell'affare o gli usi possono ammettere che la prestazione dell'altra parte sia eseguita senza una preventiva risposta: il contratto si considererà concluso nel tempo e nel luogo in cui ha avuto inizio l'esecuzione del contratto. 2° co: l'accettante deve dare prontamente avviso dell'iniziata esecuzione: accettazione tacita della proposta per fatto concludente consistente nell'iniziata esecuzione della prestazione; in tal caso la proposta sarà revocabile fino a quando il destinatario non abbia dato esecuzione al contratto. N.B.: Proposta e accettazione e loro revoca si reputano conosciute nel momento in cui giungono all'indirizzo del destinatario, se questi non prova di essere stato senza sua colpa nell'impossibilità di avere notizia; sul proponente graverà l'onere di provare che l'accettazione, sebbene giunta al suo indirizzo, è stata da lui colpevolmente ignorata. REVOCA DELLA PROPOSTA La proposta è revocabile fino a quando non sia giunta al proponente notizia dell'accettazione. Nei contratti disciplinati dall'articolo 1327, la revoca è possibile fino a quando il destinatario non abbia dato esecuzione al contratto Revoca tacita è ammessa (comportamento concludente) PROPOSTA IRREVOCABILE: si ha quando il destinatario può accettare o no nel tempo stabilito, mentre il proponente non può revocare la proposta per tutto il periodo fissato. REVOCA DELL'ACCETTAZIONE Ammessa purché giunga a conoscenza del proponente prima della notizia dell'accettazione. PATTO DI OPZIONE È quel patto in virtù del quale una parte si vincola all'altra la quale a sua volta si limita a prenderne atto, riservandosi la scelta (l'opzione) di accettare o meno. Deve contenere l'intero regolamento contrattuale