Errori grammaticali e regole fondamentali

Appunto inviato da jac123
/5

Un originale e sintetico pdf sugli errori grammaticali più frequenti da evitare (1 pagine formato pdf)

ERRORI GRAMMATICALI E REGOLE FONDAMENTALI

L'apostrofo, segno maltrattato - Prendiamo per esempio la parola Po: Significa "poco".

Il "co" si perde e come sempre nella Lingua Italiana quando si toglie qualcosa si mette l'apostrofo, non l'accento!
Non si mette l'accento su "una" quando lo attacchiamo ad "ape", giusto? Un'ape non ha l'accento.
La stessa cosa vale per il po'. Altro problema dell'apostrofo: dopo "un" l'apostrofo ci va o no? Dipende! Se precede una parola femminile, "un" è ciò che resta di "una" e quindi vuole l'apostrofo.
Altrimenti no. Un'ape, un albero, un'arancia, un orologio un'automobile, un imbuto.

Basta pensare: l'apostrofo è messo al posto di qualcos'altro!

Analisi grammaticale: come si fa

ERRORI GRAMMATICALI DA EVITARE

Gli accenti: un mezzo disastro - Le regole degli accenti sono difficili? Basta andare per logica, ecco una semplice formula per ricordare quando una parola monosillaba è accentata e quando no:
- una parola monosillaba è accentata se può avere due significati diversi;
- si accenta sempre, delle due, quella che è un verbo;
- se nessuna delle due è un verbo, si accenta quella meno usata;
- se una parola monosillaba ha solo un significato (oppure può essere anche un nipote di Paperino o una nota musicale) non si accenta mai.
Le Maiuscole. La lettera maiuscola ad inizio parola va sempre messa nei nomi propri di persona, di luogo, a inizio frase e quando si deve distinguere tra la "terra" che mettiamo nei vasi per i fiori e tra la "Terra" come pianeta.

Elementi di grammatica e regole

REGOLE FONDAMENTALI DELLA GRAMMATICA ITALIANA

Il Verso degli accenti. La "é" indica il suono chiuso, la "è" aperto. Visto che comunque questo problema riguarda solo la lingua battuta, perché quando si scrive molto spesso non si differenzia per nulla l'accento, si può adottare questa regola: si usa sempre la "è", tranne su "perché", che vuole la "é".
Le Abbreviazioni. Sono utili, ma a volte si tende ad abusarne. Si usano tantissimo negli SMS, giustamente. Per quanto riguarda invece le abbreviazioni dell'Italiano standard c'è una vera e propria serie di regole che andrebbero rispettate.