Omero: biografia breve

Appunto inviato da boball
/5

Omero fu un poeta greco autore dell'Iliade e dell'Odissea. Breve biografia di Omero (1 pagine formato doc)

OMERO: BIOGRAFIA BREVE

C'è una questione che da duemila anni a questa parte ha interessato un grandissimo numero di letterati, critici, filologi, archeologi, storici.
La questione è questa: il poeta Omero, al quale vengono attribuiti i due grandi poemi " Iliade" e "Odissea", è veramente esistito?
Questa è la vita di Omero come la narrano le antiche leggende:
Una vita semplice e grande.

Le città dell'Egeo che si contendono l'onore di aver visto la nascita di Omero sono per lo meno una decina: Smirne, Rodi, Chio, Colofone, Argo, Itaca, Pilo, Atene.
Il padre si sarebbe chiamato Meone, ma il piccolo sarebbe rimasto prestissimo orfano di entrambi i genitori.
Non solo orfano, ma estremamente povero: questa della povertà è, fra tante notizie discordanti e incerte, l'unica sulla quale tutti i biografi sono concordi.
Ma è appunto questa povertà, durata per tutta la vita, che conferisce alla figura del poeta un carattere di grande nobiltà.

Biografia di Omero


OMERO: BIOGRAFIA E OPERE

Apprese le lettere e la musica alla scuola di un certo Femio, nel suo paese natio.
E quando Femio morì, egli prese il suo posto di maestro.
Ma un poeta che seppe descrivere tanti luoghi diversi non potè certo essere vissuto sempre nel medesimo luogo.
Si narra infatti che un mercante, certo Mente, lo prese con sè come compagno di viaggio nelle sue peregrinazioni attraverso il Meditterraneo: pare che così Omero sia stato in Egitto, in Libia, in Spagna e in Italia.
Soggiornò anche a lungo nell'isola di Itaca, dove raccolse molte notizie sulla vita di Ulisse, l'avventuroso re di quest'isola.
Fu ad Itaca che Omero ebbe i primi sintomi di una grave malattia agli occhi che, in seguito, lo rese cieco per sempre.
Non per questo egli cessò di viaggiare; infine sostò a Chio, dove trovò un ricco protettore.

Ricerca su Omero


BREVE BIOGRAFIA DI OMERO

Qui il poeta aprì una scuola e potè completare la stesura dell'Iliade, già da tempo iniziata.
Più tardi, compose il secondo poema: l'Odissea.
Ma non volle sostare troppo a lungo a Chio: forse gli piaceva viaggiare per trovare sempre nuovi ascoltatori ai quali fare udire il suo meraviglioso racconto.
E così il gran vecchio si pose di nuovo in viaggio sul mare, finché nell'isoletta di Io non fu fermato dalla morte.
Omero non deve la sua grandezza alle vicende leggendarie della sua vita, bensì alla sua opera.
Egli non solo è il più antico e il più grande poeta greco, ma è uno dei più grandi poeti che siano mai esistiti.

 

.