Agamennone di Eschilo: riassunto e personaggi

Appunto inviato da salame1999and
/5

Riassunto degli episodi e analisi dei personaggi dell'Agamennone, tragedia appartenente alla trilogia di Eschilo, Orestea (4 pagine formato doc)

AGAMENNONE DI ESCHILO: RIASSUNTO E PERSONAGGI

Eschilo.

Orestea. Agamennone. Riassunto. Pròlogo. Una guardia in una posizione sopraelevata della casa degli Atridi ad Argo veglia attendendo il segnale luminoso che dovrebbe annunciare la presa di Troia. Finalmente questo si materializza nel buio e la sentinella è contenta così di unirsi alla festa generale dovuta al ritorno del loro re Agamennone.
Pàrodo.
Entra il Coro formato dagli anziani d’Argo. Questo con un procedimento a ritroso ripercorre alcuni momenti che precedettero l’avvio della spedizione achea, soffermandosi su un cruento presagio allora verificatosi: una lepre, gravida, è inseguita e sbranata da due aquile. L’interpretazione del prodigio da parte dell’indovino Calcante fu inequivocabile: Troia, che dentro di sé aveva accumulato tanta potenza, sarebbe stata distrutta dai due Atridi (le due aquile), ma l’indovino aveva ammonito ad evitare che la collera della dea Artemide, irata per la crudele morte della “lepre”, coprisse di tenebrosa notte l’esercito acheo. Unico mezzo per placare l’ira divina – profetizzò ancora Calcante – era il sacrificio della vergine Ifigenia, figlia d’Agamennone. E Agamennone scelse alla fine d’essere re, sacrificando la figlia, piuttosto che padre, rimanendo fedele ai canoni dell’etica degli eroi. Viene poi invocato Zeus e lo stesso Coro afferma che solo attraverso il Signore dell’Olimpo si arriva alla saggezza e che il dolore è lo strumento della conoscenza.

Agamennone di Eschilo: trama e commento

AGAMENNONE DI ESCHILO: RIASSUNTO DETTAGLIATO

Primo Episodio. Il Coro è avvisato da Clitemestra della vittoria dei Greci sui Troiani appresa tramite una continua catena di fuochi che, partendo dalla pianura di Troia è giunta fino ad Argo. La regina analizza poi la posizione dei vinti e dei vincitori nella città troiana e saggiamente ritiene che non tutti i pericoli sono stati ancora evitati dai Greci. Infine il coro si prepara ad invocare gli dei secondo il rito.

Contesa tra Achille e Agamennone: parafrasi Iliade

ORESTEA ESCHILO AGAMENNONE RIASSUNTO

Primo Stàsimo. Il Coro s’incarica ora di esprimere critiche considerazioni sulla spedizione troiana. L’analisi comincia spiegando come la sconfitta di Troia sia principalmente opera di Zeus che punisce di norma chi compie atti empi e contro giustizia, per il quale non saranno d’alcun giovamento le più grandi ricchezze. E’ poi enunciato il precetto che “bene supremo è la misura”: che è importante non essere tracotanti andando contro la Giustizia perché così facendo si provoca la punizione di Zeus. Così fece Paride, che entrò nella casa di Menelao e ne rapì la donna. Il Coro insiste poi sul prezzo che la vendetta di Menelao comportò: troppi, infatti, sono stati i morti di quella guerra. La felicità perseguibile è quella esente dall’invidia: così si esprime il coro mostrando precetti di vita che gli spettatori sono invitati ad osservare.