Quadro storico politico del VI secolo a.C.

Appunto inviato da agnesee
/5

Appunti sulla situazione storia e politica nella Grecia del VI secolo a.C. (2 pagine formato doc)

Quadro storico politico del VI secolo a.C.
Ad Atene a causa delle lotte civili,  ci fu un logoramento dell’oligarchia a favore della borghesia. A capo del popolo, c’è un tiranno per ogni città greca, esclusi gli .  non è un termine negativo ma indica un cittadino che ha assunto il potere in modo non legale. Età dei tiranni nel VI secolo: è solitamente l’espressione dell’aristocrazia esautorata a vantaggio di uno solo, che governa con il consenso delle masse, favorendole in molti campi.
A Sparta questo non avviene perché la città era stata organizzata fin dal VIII secolo a.c. in una società dominata dagli Spartiati (9000), discendenti dei Dori. Le popolazioni autoctone erano divenute in parte Iloti, che non avevano alcun diritto ed erano servi e schiavi di guerra, ed in parte erano divenute Perieci (60000-80000) ->  cioè coloro che non avevano uguali diritti degli Spartiati, ma erano liberi, per lo più mercanti ed artigiani. In caso di battaglia si rivolgevano ai Perieci: • non avevano diritti politici • erano liberi in tutto.