LA CITTA' DELLE BESTIE

Appunto inviato da smashingiulie
/5

scheda libro con notizie sull'autrice, luogo, tempo, trama essenziale per capitoli, descrizione psicologica dei personaggi, stile e messaggio. (5 pagine formato doc)

AUTRICE Nata a Lima (Perù) nel 1942 e vissuta in Cile fino al 1973 (golpe di Pinochet, dittatore fascista), poi negli USA.
Vivente. AMBIENTAZIONE TEMPO: ai giorni nostri LUOGO: foresta Amazzonica TRAMA 1. Alex ha 15 anni e vive in California. La mamma si ammala di cancro e lui deve andare a vivere dalla nonna Kate che lo porterà in una spedizione scientifica in Amazzonia. Quando sa della mamma, reagisce violentemente (distrugge camera sua). 2. Il viaggio di Alex per raggiungere la nonna a New York è avventuroso. Lei non lo aspetta all'aeroporto e mentre lui va alla ricerca del suo indirizzo, incontra una ragazza di strada, Morgana, che lo deruba di tutto. 3.
La nonna è un tipo brusco, lo accoglie senza convenevoli, però gli regala il flauto del nonno. 4. Partono per la spedizione antropologica alla ricerca di uno strano animale simile allo yeti, avvistato tra Brasile e Venezuela. Si imbarcano sul fiume Rio Negro, poi sull'Orinoco, col direttore della spedizione Leblanc, la guida Cesar con sua figlia Nadia, la dottoressa Torres e alcuni soldati offerti dal capitano Ariosto. Si aggiungono poi due indigeni Karakawe e Matuwe, due tipi sospetti. 5. Prima di imbarcarsi Alex e Nadia, che hanno fatto amicizia, incontrano nella foresta lo sciamano Walimai che è accompagnato dallo spirito della giovane moglie morta. Dà a Nadia un talismano protettivo per la ricerca della Bestia. 6. L'albergo dove alloggiano è solo una palafitta con tettoia. Si dorme su amache. Alex e Nadia assistono alla segreta conversazione notturna di Ariosto e Carìas. Il loro piano è di utilizzare il prestigio della spedizione scientifica per far credere al governo che la zona infestata dalla Bestia debba essere bonificata a loro vantaggio, cacciando via gli indigeni. 7. Nella ricchissima tenuta di Carìas c'è un giaguaro nero tenuto prigioniero. Alex sente una profonda intima attrazione per l'animale e tenta di dargli la libertà ma è in pericolo e Cesar spara, uccidendo il giaguaro. Nadia dice ad Alex che quello è il suo animale totem, e ora ne ha lo spirito. 8. La spedizione prosegue sul fiume, tra animali stupendi: fenicotteri, scimmie, tucani, cervi, serpenti, insetti… Un anaconda sta per stritolare il fotografo, ma lo uccidono e lo cucinano. Un soldato viene improvvisamente ucciso da una freccia avvelenata (col curaro) e Leblanc dice che ciò conferma la ferocia degli indios. 9. Si accampano sulla riva del fiume tra vegetazione lussureggiante (alti tronchi, e felci giganti) e animali colorati e chiassosi. Per paura degli indigeni fanno i turni di guardia a due a due. Uno dei soldati viene ritrovato morto in modo misterioso, pieno di tagli e insetti. Leblanc, schizzinoso e fifone, scivola in una pozza che sembra fango, ma che è un'enorme escremento (della Bestia??); dove c'è lei c'è una grande puzza, come aveva anche detto ai ragazzi da un missionario che l'aveva vista: alta 3 metri, parla. Durante la notte Nadia e Alex vedono il misterioso Popolo della Nebbia, silenzioso, si