La locandiera: analisi del testo

Appunto inviato da giorgiadancing
/5

La locandiera è una commedia teatrale di Carlo Goldoni che narra le vicende di Mirandolina. Analisi dei personaggi e del testo dell'opera teatrale La locandiera di Goldoni (6 pagine formato doc)

LA LOCANDIERA: ANALISI DEL TESTO

Analisi del testo teatrale.

La locandiera di Carlo Goldoni. La locandiera è l’opera più importante di Goldoni, ambientata nel ‘700.
Goldoni nacque a Venezia nel 1707. Dopo essersi laureato e dopo aver esercitato la professione di avvocato per alcuni anni, si dedica alla sua vera passione: il teatro.
Dopo aver scritto alcune commedie dell’Arte, Goldoni inizia a introdurre, nel mondo del teatro una riforma, che lo modificherà completamente. Non avendo avuto successo in Italia, Goldoni, porta la sua riforma in Francia, dove ricomincerà a lottare contro la commedia dell’Arte. Questa lotta però non durò molto, perché Goldoni si “spegne” nel 1793.
La Locandiera rappresenta il risultato della riforma di Goldoni che, oltre al divertimento, fa riflettere moltissimo lo spettatore sul carattere dei personaggi. Infatti il tema della commedia è il tema della seduzione dell’amore inteso come sentimento umano e ingannevole. La commedia ha come protagonista Mirandolina, proprietaria di una locanda a Firenze.

La locandiera di Goldoni: analisi opera teatrale

LOCANDIERA ANALISI PERSONAGGI

Tutti i clienti cadono ai piedi della ragazza colpiti, soprattutto dal suo portamento fuori dal comune. Fra questi i più importanti spasimanti sono: il Marchese di Forlipopoli, che ha perso tutte le sue ricchezze; il Conte di Albafiorita, che è un arricchito ed il Cavaliere di Ripafratta, uomo ricco e nobile che, però, disprezza le donne. Ed è proprio con quest’ultimo che si accanisce Mirandolina, sfoggiando il suo fascino, perché la ragazza vuole umiliarlo completamente. Alla fine riesce nell’intento di fare innamorare anche il cavaliere, mettendo in atto piccole strategie, come falsi dolori o svenimenti.
La vicenda però si conclude un po’ aspramente per Mirandolina. Infatti il cavaliere, pur di averla è disposto ad usare violenza ed è così che, la bella Mirandolina, corre ai ripari, sposando Fabrizio il suo unico dipendente, a cui l’aveva affidata il padre prima di morire.

La locandiera di Goldoni: riassunto

ANALISI LOCANDIERA DI GOLDONI

La Locandiera offe allo spettatore una fotografia della società contemporanea di quel tempo e i personaggi rappresentano tutti i fondamentali ceti sociali.
Il Marchese di Forlipopoli, rappresenta un nobile, che di nobile conserva solo il titolo, in quanto ha perso tutte le sue ricchezze. Egli però vuole sfoggiare ancora i suoi vecchi privilegi. Infatti offre protezione a Mirandolina e le fa dono di miseri averi in suo possesso, ad esempio il fazzoletto di seta ed il vino di Cipro, ritenuto nettare degli Dei, che poi si rivela “sciacquatura di fischi” che dona aspramente agli altri personaggi.
Il Marchese, assume tale atteggiamento, perché non vuole sentirsi inferiore rispetto al Conte di Albafiorita.  Quest’ultimo è un arricchito che si è comprato il titolo nobiliare e che dona a Mirandolina, gioielli molto vistosi, segno del suo poco gusto.
Infatti non potendo contare sul prestigio del sangue, cerca una rivalsa nella ricchezza. Egli, proprio perché cerca di risolvere tutto con il denaro ha qualcosa di sgradevole e di volgare.

La locandiera: analisi dei personaggi