La Scapigliatura

Appunto inviato da dhopietro
/5

Analisi dei tratti salienti di questo movimento con il commento della poesia "Preludio" (2 pagine formato pdf)

La scapigliatura
È un movimento che si sviluppa in area Milanese, tutti hanno a che fare con Milano.
Non è una scuola, è un movimento con intellettuali con istanze in comune. Si sviluppa nel 1860-1870, nella Seconda metà dell’Ottocento.
Sono degli artisti ribelli che in qualche modo dimostrano il loro spirito di ribellione da una parte contro il Romanticismo, è una polemica aperta contro Manzoni; più in generale vanno contro il moralismo borghese, l’ipocrisia, i valori religiosi e anche contro questa attenzione esasperata al profitto. La polemica degli scapigliati avviene in questi due ambiti: generale contro i borghesi e in
campo letterario i Romantici, esplicite frecciate contro Manzoni.


Il nome Scapigliatura era stato introdotto da Cleto Arrighi, in realtà è una traduzione del termine Boheme, indica una vita zingara, povera, un disagio della società borghese.
Intanto in Francia si stavano sviluppando i poeti maledetti. Esprimono il disagio di una società in cui non si trovavano più, ma già col
Romanticismo vi era questo disagio, ma non nella letteratura italiana. Ora che l’Italia ha raggiunto uno stato simile a quello europeo vi è il cambiamento di questa società.


Non viene elaborata una nuova lingua, nonostante la critica verso i vecchi moduli. L’importanza del movimento è data dalla loro necessità di trovare qualcosa di nuovo e dal fatto di guardare all’Europa, prendendo spunto dai Simbolisti francesi. Questi uomini nella loro carica poetica invitano ad andare verso il Realismo, è desiderio fare entrare la realtà nei propri aspetti più interiori. Così
facendo questo movimento apre la strada a due movimenti successivi: al Realismo Verismo e un recupero dei moduli più irrazionali formando le basi per il Decadentismo.
Preludio
Sono tutti scrittori che non danno vita a grandi esiti. Un esempio è Preludio di Emilio Praga.Egli fu scrittore e pittore, gli Scapigliati erano interessati a creare un’unione fra le varie arti. Il titolo rimanda proprio al colore, questa poesia è un manifesto del movimento. Componimento in endecasillabi, con strofe di quattro versi, l’ultimo verso della strofa è più breve.