Assolutismo francese e inglese: schema

Appunto inviato da love4amore
/5

Presentazione in power point sull'assolutismo francese e inglese (10 pagine formato pps)

ASSOLUTISMO FRANCESE

Modelli di stato territoriale:
- La Francia dell’assolutismo
- L’Inghilterra parlamentare
L’Europa del XVII secolo:
L’Europa non è più uno spazio inquadrato da istituzioni generali (Chiesa e Impero)
Si consolida lo stato dinastico
La gerarchia fra gli Stati si determina o con la diplomazia o con la guerra
Gli Stati hanno un ambito definito (territorio) e una unicità di potere (sovranità dinastica)
Il potere si legittima sulla base di un “contratto”: al sovrano viene delegata una quota delle libertà originarie perché garantisca la pacifica convivenza la delega è o totale (assolutismo) o specifica e revocabile (parlamentarismo)

Stato moderno e assolutismo: riassunto

ASSOLUTISMO FRANCESE POWER POINT

La pace di Westfalia (1644 - 1648).
Le clausole fondamentali
il potere imperiale è sottoposto al controllo della dieta dei principi
riconoscimento dell’indipendenza di Olanda e Svizzera
autonomia in politica estera dei principi tedeschi
allargamento territoriale di Svezia, Brandeburgo e Francia
Le conseguenze
ridimensionamento dell’Impero
frammentazione della Germania (nord luterano, sud cattolico)
emergere di nuove potenze:Brandeburgo, Olanda
riaffermazione del concetto cuius regio eius religio in modo più favorevole ai protestanti
affermazione del concetto di equilibrio tra gli stati

Assolutismo inglese: riassunto

ASSOLUTISMO FRANCESE SCHEMA

La Francia da Enrico IV a Luigi XIV:
Pacificazione religiosa (Editto di Nantes 1585)
Ricostruzione interna (Sully primo ministro)
Realismo politico
Consolidamento dell’assolutismo monarchico
Richelieu piega la nobiltà feudale al rispetto dello Stato
Funzionari alle dirette dipendenze del sovrano
Mazzarino sconfigge la “Fronde des princes”
Partecipazione alla Guerra dei trent’anni e rafforzamento internazionale della Francia
Luigi XIV governa senza Primo Ministro
Nasce le Roy Soleil:
1643 Luigi XIV sale al trono ma non governa (reggenza di Anna d’Austria, Primo Ministro Giulio Mazzarino)
1661 Morte di Mazzarino
Luigi XIV solo al governo
1661-1685
Il Ministro delle Finanze e dell’Economia Colbert collabora con il Re Sole alla centralizzazione dell’amministrazione
I Parlamenti non possono opporsi al volere del re
Trasferimento della Corte a Versailles
Perdita di potere delle nobiltà e acquisizione di privilegi
1682 Articoli gallicani:
Chiesa francese autonoma da Roma
1685 Revoca dell’ Editto di Nantes:
Un solo Re, una sola fede

Assolutismo francese nel 600: riassunto

ASSOLUTISMO FRANCESE E MONARCHIA COSTITUZIONALE INGLESE

Da Elisabetta I a Carlo I
Elisabetta I: regina protestante vincitrice della Spagna
Favorisce lo sviluppo commerciale e industriale
Consenso dei ceti produttivi
Rafforza il potere del re sulla Chiesa anglicana
rafforza il potere del re
consiglio della corona
poche sedute parlamentari
Attraverso la persona del re Giacomo avviene l’unificazione di Scozia e Inghilterra
disimpegno dalla guerra dei Trent’anni
riavvicinamento a Spagna e Francia
sostegno alle iniziative di rafforzamento dell’assolutismo
Carlo I
esautorazione progressiva delle istituzioni tradizionali
Consiglio della Corona e Camera stellata
episcopalismo (organizzazione gerarchizzata della Chiesa)
ship money (imposizione di tasse portuali)
non comvocazione del parlamento
Lords & Commons
1628 Petition of rights: il parlamento chiede il rispetto delle libertà tradizionali dei cittadini inglesi
1629-1640: il re governa senza il parlamento
1638 Gli scozzesi rifiutano l’unificazione con la Chiesa Anglicana: guerra con gli scozzesi
1640 - convocazione, scioglimento e riconvocazione del parlamento per ottenere i crediti di guerra
1642 -1648: Guerra Civile
1649:condanna a morte ed esecuzione del re
1649 proclamazione della repubblica (Commonwealt)
abolizione della camera dei Lords e della Chiesa anglicana
limitazioni alla libertà di opinione
1653 Cromwell Lord Protettore: nuovo parlamento
consiglio ristretto
controllo delle contee affidato ai capi dell’esercito

.