LAURENCE STERNE

Appunto inviato da capolorenzo
/5

analisi in italiano dello scrittore inglese con approfondimento sull'opera "Vita ed Opinioni di Tristam Shendy" (1 pagine formato doc)

DANIEL DEFOE (1660 - 1731) LAURENCE STERNE (1713 - 1768) Biografia Studia a Cambridge dove si appassiona all'opera dei grandi umoristi del passato e contemporanei, quali Swift e Miguel Cervantes, e alle teorie del filosofo inglese Locke, opere che saranno alla base del suo capolavoro Vita ed Opinioni di Tristam Shendy.
Ammalatosi di tubercolosi intraprese un viaggio attraverso la Francia e L'Italia, di cui ci rimane un accurato resoconto, tradotto in italiano da Ugo Foscolo. Morì all'età di 55 anni dopo aver riscosso una grande fama e fortuna grazie al suo capolavoro una delle poche opere letterarie scritte dall'eccentrico anticonformista uomo di chiesa. Vita ed Opinioni di Tristam Shendy Tristam Shendy è senza dubbio il romanzo più atipico fra quelli finora citati; si presenta, infatti, come la dimostrazione pratica ed efficace della teoria del filosofo John Locke sulla libera associazione di idee, secondo cui le convenzioni linguistiche finiscono per condizionare la percezione della realtà, secondo modalità diverse fra persona e persona, e di conseguenza influiscono in modo determinante sulle motivazioni e sulle scelte di vita di un individuo.
Il romanzo, che dovrebbe narrare la vita dell'autore ma che non va oltre la rievocazione dell'infanzia, trae spunto dalle vicende avvenute in una sola giornata nella propria famiglia e si articola mediante la narrazione di episodi, osservazioni personali, frequenti flashbacks e digressioni che rappresentano i collegamenti mentali di Tristam. Il romanzo è, infatti, narrato in prima persona attraverso gli occhi del protagonista che seguendo gli irrazionali collegamenti della sua mente ricostruisce in maniera svagata e del tutto umoristica il suo ambiente familiare nel quale ogni personaggio interagisce con un altro componente della famiglia in base alla propria esperienza che ne condiziona la percezione della realtà e quindi il conseguente raffronto. L'opera si presenta dunque del tutto innovativa in quanto non segue l'ordine cronologico degli eventi, basti pensare che la nascita di Tristam appare per la prima volta nel terzo volume, e soprattutto perché si presenta come un'opera interattiva in cui il lettore è continuamente chiamato in causa per esprimere ed ascoltare pareri sui più disparati argomenti, a partecipare alla risoluzione dei problemi narrativi o addirittura a collaborare alla stesura dell'opera riempiendo gli spazi in cui lo scrittore lascia in sospeso la narrazione.