Decadentismo: definizione e caratteristiche

Appunto inviato da lafez
/5

Definizione, caratteristiche e gli autori del Decadentismo: riassunto breve (1 pagine formato doc)

DECADENTISMO: DEFINIZIONE

Decadentismo.

In netta contrapposizione alle tendenze positiviste, si sviluppa una nuova corrente letteraria: il decadentismo, i cui maggiori esponenti furono Edgar Allan Poe, Baudelaire, Rimbaud e Oscar Wilde. Tra gli scrittori italiani troviamo Pascoli e D’Annunzio.
Il movimento decadente nasce in Francia con Charles Baudelaire che, attraverso la sua opera Le Fleur Du Mal, creò il modello dell’artista controcorrente che nella propria poesia esprime il male di vivere e l’esaltazione della trasgressione e il rifiuto delle regole morali. Baudelaire aprì così la strada al simbolismo, caratterizzato dalla ricerca di corrispondenze, cioè di simboli, che riuscirebbero a svelare il mistero della realtà.

Decadentismo: caratteristiche generali

DECADENTISMO: CARATTERISTICHE

I caratteri fondamentali del decadentismo francese sono:
- opposizione al razionalismo positivista, quindi l’uso di simboli per districare la realtà
- rifiuto delle norme e della morale, cui si contrappone la concezione dell’estetismo, secondo cui la bellezza è il valore supremo
- attrazione per gli aspetti oscuri e irrazionali della psiche
- l’arte, considerata fine a se stessa, come strumento superiore alla scienza
- artista introspettivo che scava dentro se stesso, in contrapposizione al poeta vate della letteratura classica
- la voglia di fuggire dalla realtà attraverso l’uso di droghe e alcool
- sostituzione dell’eroe con un antieroe, in rotta con la società

DECADENTISMO: AUTORI

In Italia il decadentismo si sviluppa in maniera differente rispetto a quello francese. Innanzi tutto il forte nazionalismo che caratterizzava gli scrittori del tempo li porta a considerare il poeta come portavoce di un popolo nella sua battaglia politica.
Il movimento decadente italiano si sviluppa soprattutto a Milano con la scapigliatura. La loro vita disordinata e irrequieta mostra affinità con quella dei poeti maledetti francesi, e anche la scelta dei temi trattati coincide con quella di Baudelaire.