X Agosto: parafrasi e spiegazione

Appunto inviato da teresathebest
/5

X Agosto: parafrasi e spiegazione della poesia scritta da Giovanni Pascoli in memoria di suo padre (2 pagine formato pdf)

X AGOSTO: PARAFRASI

X Agosto – Parafrasi
È il dieci Agosto, io lo so perché un così gran numero
di stelle nell’ aria serena
splendono e sembrano cadere, perché un così gran pianto
risplende nel cielo.
Una rondine ritornava nella sua dimora :
venne uccisa, cadde tra le spine ,
con in bocca il cibo
per i suoi rondini
Ora e la con le ali aperte ,a formare quasi una croce , e tende
Verso l’ alto quell’ insetto al cielo lontano,
e i suoi rondinini, sono nell’ ombra, che attendono,
e pigolano sempre più piano.
Anche un uomo tornava a casa:
lo uccisero, gridò perdono ;
e nei suoi occhi sbarrati restò un espressione di stupito terrore
egli in dono portava due bambole.
Ora, nella casa solitaria,
mentre le figlie lo aspettavano invano
egli, immobile, stravolto ,indica con la mano
le bambole al cielo lontano.
E tu cielo, guardi dall’ alto dei mondi , privo di dolore,
così infinito e immortale ,
inondi con un pianto di stelle la terra così piccola rispetto all’ infinita
e così oscura perché dominata dal mare.

X Agosto di Pascoli: commento e analisi


X AGOSTO SPIEGAZIONE: CARATTERISTICHE DELLA POESIA

Caratteristiche della poesia.

La poesia è composta da sei quartine in cui si alternano endecasillabi e novenari piani in rime alternate(ABAB, CDCD).
Per quanto riguarda le figure retoriche in ordine troviamo:metonimia ( il suo nido che pigola) e (al suo nido), similitudine( come in croce), parallelismo tra la rondine e il padre.
La parola “ Cielo” adoperata nel primo verso dell’ ultima sestina, sta ad indicare un ente sopranaturale, che è a conoscenza del motivo per il quale hanno ammazzato suo padre; quindi il cielo è visto come qualcosa di onnipotente.
La parola “Male” utilizzata nell’ ultimo verso, indica la sventura subita dalla famiglia dell’ autore.
Il titolo x Agosto, secondo alcuni studiosi viene utilizzato, perché il numero romano indica la croce, simbolo di sofferenze umane( martirio della rondine).
Inoltre l’ autore inverte i termini, infatti utilizza la parola “nido “ per indicare la casa dell’ uomo e “tetto” per indicare la casa della rondine.

.