Calvino

Appunto inviato da annabella92
/5

Opere di Italo Calvino (2 pagine formato pdf)

L'impegno e la favola : a metà degli anni '50 ci fu il dibattito sul “realismo”, l'orientamento letterario che secondo i critici comunisti poteva meglio contribuire al rinnovamento e alla democratizzazione della società:
– conflitti sociali, eroi positivi che incarnino i valori dei lavoratori
  Calvino è uno scrittore impegnato, milita nel partito comunista, collabora con giornali politicamente schierati.

Nel “Visconte dimezzato” però inizia a scrivere in modo fiabesco e simbolico per rappresentare la realtà.
La letteratura ha un valore politico e sociale, lo scrittore deve mettersi in gioco e parteggiare politicamente, infatti la letteratura lo differenzia dalla politica diretta.
Lo scrittore si focalizza ad analizzare i problemi dei singoli individui.
La sfida al labirinto: è un articolo sulla rivista “Il Menabò”, interviene sul dibattito tra industria e letteratura, criticando le poetiche della nuova avanguardia.
La seconda rivoluzione industriale ha introdotto dei cambiamenti nella società: mercificazione dei rapporti umani,cancellazione dell'individualità.
La recente avanguardia sta dando delle risposte: da un lato la letteratura del “coacervo biologico-esistenziale” che esplorava l'interiorità dell'individuo nei suoi aspetti più irrazionali ed usa un linguaggio istintuale (beat generation).
Dall'altro la letteratura del “labirinto gnoseologico-culturale” che per rendere la complicanza del mondo intreccia diversi linguaggi visuali,scivolando nell'incomunicabilità.
La nuova letteratura poteva sia aiutare l'uomo ad orientarsi nella società, sia a lasciarsi andare difronte alla complessità del labirinto che è una condizione umana.