Pascoli

Appunto inviato da lafez
/5

Vita, opere e stile di pascoli (2 pagine formato doc)

SIMBOLISMO SIMBOLISMO Verso libero che rende la poesia simile a musica.
Concezione dell'ART POUR l'ART. Negazione dell'oggettività. La poesia diventa pura creazione linguistica. Evocazione dell'angoscia attraverso simboli, allegorie. PASCOLI Focalizza la sua narrazione sulla regressione, cioè il ritorno al NIDO degli affetti famigliari e alla condizione del FANCIULLINO pacifico e ignaro del male. Questo provoca un'introversione nei confronti del mondo, a causa dei numerosi lutti famigliari che l'hanno colpito e anche per il tramonto del positivismo e della conseguente fede nella scienza. Stile: Largo uso d'onomatopee (le rane).
Uso di analogie che collegano la realtà al simbolo, ottenute attraverso l'uso di SINESTESIE (=associazioni di aggettivi/sostantivi che si riferiscono a sensi diversi). Predominanza della paratassi (=proposizioni non subordinate). Frammentismo che spezza la logica. Simboli: NIDO: casa, amore, affetti famigliari. CULLA: rapporto madre figlio. MORTI: vivi nel ricordo, ma anche nel presente. CIBO: padre. AMORE: madre. SOLIDARIETA': fratelli. MACROCOSMO della società che spaventa e aumenta la voglia di regressione. TEMPESTA/TUONO: violenza della società. CAMPANE: atmosfera di sogno ma anche presagio di morte. UCCELLI: ricordano il nido, ma richiamano anche angoscia e pericolo (assiolo, civetta). FIORI: attrazione sessuale, ma anche ornamento delle tombe. NEBBIA: può proteggere e avvolgere il microcosmo, ma nascondendo il macrocosmo simboleggia il mistero della vita. COSTELLAZIONI: ansia dell'infinito. CANTI DI CASTELVECCHIO Temi: morte Dolore: trova conforto nelle lacrime ma non perde intensità. NATURA: il ciclo delle stagioni è lo stesso ciclo della vita. La natura è una madre dolce che aiuta il poeta ad accettare la morte. Solitaria e silenziosa ispira il poeta e aumenta il senso di mistero per la vita.