La quiete dopo la tempesta

Appunto inviato da camillino2
/5

Parafrasi e analisi approfondita della poesia di Giacomo Leopardi (3 pagine formato doc)

La tempesta è passata, sento gli uccelli far festa, e la gallina, tornata sulla strada che ripete il suo verso.
Ecco che il sereno rompe le nuvole là da occidente, verso la montagna; la campagna si libera dalle nubi e lungo la valle appare chiaro e ben distinto il fiume. Ogni animo si rallegra, da ogni parte riprendono i soliti rumori e riprende il consueto lavoro. L'artigiano, con l'oggetto del suo lavoro in mano, si avvicina cantando verso l'uscio a guardare il cielo umido; esce fuori la giovane ragazza per vedere se sia possibile raccogliere l'acqua della pioggia da poco caduta; e l'ortolano ripete di sentiero in sentiero il consueto richiamo giornaliero. Ecco che ritorna nel cielo il sole, eccolo che sorride per i poggi e per i casolari.
La servitù apre le finestre, apre le porte dei terrazzi e delle logge: e dalla strada principale si sente un tintinnio di sonagli; il carro del viandante che riprende il suo viaggio stride.

Ogni animo si rallegra. Quando la vita è così dolce e così gradita come ora? Quando l'uomo si dedica con così tanto amore alle proprie occupazioni come in questo momento? O torna al lavoro? O intraprende una nuova attività? Quando si ricorda un po' di meno dei suoi mali?