Amore è un desio che ven da core: analisi e riassunto

Appunto inviato da nuvolaleggera Voto 6

Riassunto, analisi e verifica d'approfondimento sulla poesia di Giacomo da Lentini "Amore è un desio che ven da' core". Termini significativi collegati alla rima, la funzione del cuore nelle fasi dell'innamoramento, amore come sintesi di desiderio e immaginazione, uso del polisindeto e collegamenti con la poesia provenzale (2 pagine formato doc)

AMORE E' UN DESIO CHE VEN DA CORE: ANALISI E RIASSUNTO

Amore è un desio che ven da' coreGiacomo da Lentini. Analisi della poesia. Riassunto. L’amore è un desiderio che nasce per un eccesso di piacere, viene generato negli occhi e poi viene nutrito dal cuore. Nonostante avvenga che qualcuno si innamori senza aver mai visto la fonte del suo amore, di solito quello più vero e più forte ha origine proprio negli occhi che inviano al cuore l’immagine di ciò che vedono così come è naturalmente e al cuore piace quel desiderio.
E’ questo l’amore più diffuso fra gli uomini.
ANALIZZA IL SONETTO SUL PIANO METRICO, SEGNALA ALCUNI TERMINI SIGNIFICATIVAMENTE COLLEGATI DALLA RIMA (PER ESEMPIO CORE\AMORE), E INDIVIDUA LE PAROLE-CHIAVE DEL COMPONIMENTO.
Nel sonetto le due quartine presentano lo schema rimico:ABAB cioè quello della rima alternata, mentre le terzine sono rimate secondo lo schema ACD. A mio avviso i termini legati in modo significativo dalla rima sono: CORE-AMORE perché il secondo nasce e si nutre nel primo; PIACIMENTO-NUTRICAMENTO poiché l’amore nasce come piacere e cresce grazie al nutrimento; CORE-CONCEPITORE in quanto è proprio il cuore che concepisce l’amore.
Altre parole chiave presenti nel sonetto sono: gli “occhi” che divengono un mezzo attraverso il quale l’amore può penetrare nel cuore, e infine il “desio”, che credo corrisponda all’amore, che induce l’innamorato a pensare in continuazione la persona amata.

Io m'aggio posto in core a Dio servire: analisi della poesia di Giacomo da Lentini

AMORE E' UN DESIO CHE VEN DA CORE: RIASSUNTO

INDICA L’ORIGINE DELL’AMORE PER IL POETA E LA FUNZIONE DEL CUORE NELLA FASE DELL’INNAMORAMENTO.
Per Iacopo da Lentini l’amore ha origine negli occhi perché questi inviano al cuore l’immagine reale di tutto ciò che vedono, buona o cattiva che sia, e il cuore, che accoglie queste immagini, ha   l’importante compito di dare il nutrimento all’amore che gli perviene per merito degli occhi.
L’AMORE È SINTESI DI DESIDERIO E IMMAGINAZIONE:DOVE È ESPRESSO QUESTO CONCETTO?
Nell’ultima strofa vi è scritto che l’amore è sintesi di desiderio e immaginazione perché colui che prova questo sentimento immagina e desidera la persona amata tanto da esserne quasi “ossessionato”.

Chi non avesse mai veduto foco di Giacomo da Lentini: analisi

AMORE E' UN DESIO CHE VEN DA CORE: FIGURE RETORICHE

NEL FINALE IL POETA USA UNA METAFORA:QUALE RUOLO HA AMORE NEL MONDO?
Nel finale vien detto che lo ”amore regna fra la gente” e, secondo me, con questa metafora, il poeta vuole affermare che l’amore è un sentimento universale e tutti gli uomini possono essere accomunati dal fatto che ricercano e hanno bisogno di questo. Ovviamente si tratta di uomini che possiedono un animo gentile e che quindi sono predisposti all’amore (carattere in comune con la poesia trobadorica).
NEL SONETTO È SPESSO USATO IL POLISINDETO (VV. 3,4,12,13,14):QUALE EFFETTO PRODUCE?
Nel sonetto, nei suddetti versi è stato utilizzato il polisindeto per mettere in relazione e anche in risalto i concetti fondamentali dell’opera.