Barocco e Illuminismo

Appunto inviato da labisi
/5

Barocco e Illuminismo, il ruolo dell'intellettuale nel seicento, la rivoluzione scientifica e autori (3 pagine formato doc)

BAROCCO E ILLUMINISMO

Ruolo dell'intellettuale nel 1600.

Nelle corti cominciano a vedersi i burocrati, persone che hanno gli stessi compiti dei diplomatici. L'intellettuale diventa un segretario che deve scrivere, prendere nota degli avvenimenti e partecipare alla vita amministrativa. Le accademie acquistano sempre più importanza, in Italia le più importanti erano:
•    Accademia dei lincei a Roma: carattere scientifico
•    Accademia della crusca a Firenze: carattere letterario. Crusca è una metafora che significa che voleva setacciare la buona lingua dagli scarti.
L'accademia diventa un punto di riferimento linguistico molto importante
•    Un'altra città in cui aumenta il numero di accademie è Venezia perchè era più lontana dalla chiesa e quindi più libera.
La chiesa svolgeva un ruolo molto importante perchè i gesuiti partecipavano alla vita attiva dello stato attraverso le scuole poiché istruivano i futuri dirigenti della società.
Nascono i primi giornali letterali e scientifici in Europa.

Barocco: significato, caratteristiche e diffusione

LETTERATURA ITALIANA DAL BAROCCO ALL'ILLUMINISMO

SECONDA METÀ 1600. Si sviluppa un movimento detto barocco che raggiunge l’apice con la pittura, scultura e l'architettura. Il barocco cerca il nuovo, deve meravigliare ed è molto raffinato, questo però porta all'inquietudine che caratterizza la crisi di questo periodo. Durante il barocco sono scritte soprattutto poesie, il massimo rappresentante è Marino. Il termine BAROCCO per molto tempo è usato come dispregiativo, ma è rivalutato nel 1900 (periodo caratterizzato di nuovo dall’inquietudine) che è un periodo in cui si da molta importanza all'uso della metafora.
La città in cui è espresso meglio il barocco è Roma, infatti, papa Alessandro VII dall’incarico a Bernini di abbellire la piazza (san Pietro e la fontana dei 4 fiumi: Nilo, gange, Danubio e rio de la Plata). San Pietro è una piazza circolare che rappresenta un abbraccio. Bernini dipinge anche dei ritratti e anche un David.
Le capitali diventano grandiose, infatti, Enrico IV abbellisce Parigi che diventa una megalopoli e una città modello perchè sono costruite le fogne. Le chiese sono abbellite perchè è finito il periodo della controriforma. C'era una situazione diversa tra le varie nazioni (Olanda, Francia, Inghilterra sono nazioni laiche) che dipendeva dalla chiesa e dall'economia.

ILLUMINISMO LETTERATURA

RIVOLUZIONE SCIENTIFICA
È un cambiamento determinato da scoperte, da esperimenti e dal DUBBIO. Per gli esperimenti era utilizzato il metodo induttivo, cioè che si passa dal particolare al generale. La rivoluzione scientifica coinvolge anche l’Italia che però si deve scontrare con la chiesa. In Italia il massimo esponente della rivoluzione è Galileo Galilei che era un filosofo, scrittore, scienziato. Galileo si scontra con la chiesa che lo costringe ad abiurare, cioè negare quello che sosteneva. È il periodo di Leonardo da Vinci, che era un genio, grazie a lui si passa da scienziato ad artigiano. In questo periodo la gente è dubbiosa perchè non sa dove si trovi Dio e si rende conto che tutto è relativo e continua a non approvare la visione di Copernico. Copernico era un polacco che è stato sepolti 3 anni fa.
GALILEO GALILEI È nato a Pisa nel 1564 e muore ad Arcetri nel 1642. A Pisa comincia a fare esperimenti, ma il periodo più importante è quello che trascorre a Padova (che si trova vicino a Venezia e quindi era più libera dalla chiesa). A Padova conosce Paolo Sapri (storico) e Giordano Bruno che avevano messo in discussione la concezione tolemaica. Galileo è denunciato dal tribunale dell'inquisizione perchè diffondeva le idee di Copernico. Gli è intimato di smettere e si trova contro anche i gesuiti. È costretto dal tribunale dell'inquisizione ad abiurare. Galileo era molto famoso e nessuno dei suoi amici lo tradisce. È rinchiuso in una villa ad Arcetri, dove è tenuto sotto controllo e dove muore. Il pensiero di galileo è basato sulla scienza moderna, sugli esperimenti e sul metodo induttivo.