Breve riassunto sulla poetica di Italo Calvino

Appunto inviato da simonepuppo96
/5

breve sintesi degli elementi della poetica di Italo Calvino. Estrapolazione della sua concezione di letteratura a partire da "Sfida al labirinto", l'incipit di "Se una notte d'inverno un viaggiatore" e "Cibernetiche e fantasmi" (1 pagine formato doc)

Breve riassunto sulla poetica di Italo Calvino - Italo Calvino, Sfida al labirinto.

“Per trovare la via d’uscita dalla fortezza, occorre trovare una fortezza in cui ogni via d’uscita sia preclusa”. Italo Calvino, Il conte di Montecristo - Calvino appellandosi alla ragione invita il lettore e gli scrittori a non arrendersi al labirinto (non limitarsi ad una mimesi passiva del disordine del mondo). La letteratura è dominata dalla ragione illuministica, che racconti storie dell’uomo che agisce, si mette alla prova, assume un atteggiamento di sfida per uscire dalla fortezza del labirinto.


Leggi anche Riassunto della vita e poetica di Calvino

Il labirinto è una figura razionale-geometrica. Il caos fenomenico irrazionale può essere ricondotto a combinazioni di micro-strutture che sono in grado di riordinare la realtà “pasticciata”. Il mondo contemporaneo è complesso, insensato, incerto; l’incomunicabilità che lo caratterizza mina la possibilità di certezze durature, ma questo non deve fungere da giustificazione alla rinuncia della ricerca di soluzioni razionali ai problemi dell’uomo. Bisogna osare, sperimentare, ipotizzare, porre modelli, trovare la chiave di lettura per decodificare le combinazioni entro cui la realtà è crittografata.

Leggi anche Riassunto della vita e opere di Calvino

L’impegno etico dell’intellettuale consiste nella ricerca di una possibilità di conoscenza del reale, una ferma volontà di sfidare, di indagare il labirinto della realtà senza smarrirsi.
Calvino è un neo-illuminista ancorato ai valori di un Umanesimo laico e aperto, il disordine va contenuto entro categorie razionali.
Italo Calvino, Se una notte d’inverno un viaggiatore – incipit
La voce dell’autore invita a isolarsi dal resto del mondo per immergersi nella lettura. Leggere è un modo di essere, di sollevarsi dalla realtà fenomenica, di spiccare il volo.
Italo Calvino, Cibernetica e fantasmi (1967)  -  Appunti sulla narrativa come processo combinatorio