L'Età del Romanticismo

Appunto inviato da mollettina
/5

Descrizione del movimento romantico e dei principali temi affrontati dagli artisti afferenti (3 pagine formato doc)

Si devono distinguere due modo per intendere il Romanticismo.

1.

ROMANTICISMO COME CATEGORIA STORICA: indica un periodo storico e può includere anche settori che non partecipano al movimento romantico, cioè non aderiscono a scuole e manifesti romantici, ma che ugualmente sono considerati romantici perchè parteciparono delle visione del mondo di quel periodo storico.
In tal senso autori come Leopardi o Carducci sono da considerare romantici benché non abbiano firmato manifesti o dichiarazioni poetiche di stampo storico.

2. Romanticismo come movimento che si manifesta attraverso scuole, dichiarazioni poetiche e manifesti programmatici.
Fa parte di questo movimento Manzoni. È evidente che il romanticismo nella sua prima definizione indica un periodo molto lungo che va dalla fine del 700 alla metà dell'800. Questa è accezione più ampia del termine romanticismo ed è la più interessante da conoscere.

LE TEMATICHE DOMINANTI
Il romanticismo fu dunque fu dunque un lungo periodo (per noi italiani comincia con il periodo del Risorgimento), per tanto al suo interno troviamo manifestazioni anche antitetiche e divergenti (ad ex l'ateismo di Leopardi, e la fede cristiana di Manzoni).

Tuttavia come denominatore comune è possibile individuare il trionfo di tematiche negative: il dolore, tedio (noia di vivere, l'angoscia), malinconia, paura, infelicità delusione, fascino del male, rifiuto del presente, ecc...
Le cause di tale negatività di fondo sono legate sostanzialmente all'epoca storica: la prima metà del XIX secolo è un'età di grandi inquietudini a causa dello sconvolgimento della Rivoluzione francese e Napoleone come pure la Rivoluzione industriale.

I fatti di Francia avevano causato il crollo dell'ordine e del trionfo della violenza, mentre la Rivoluzione industriale che dall'Inghilterra si espandeva, portava con sé molti fatti negativi, come la crisi delle campagne, lo sfruttamento degli operai e le conseguenti rivolte dei lavoratori (Luddismo).