Il gattopardo: analisi e commento

Appunto inviato da superkia89
/5

Il gattopardo di Giuseppe Tomasi di Lampedusa: analisi del testo, tematiche, commento personale e commento critico (2 pagine formato doc)

IL GATTOPARDO: ANALISI

Appunti sul Gattopardo.

Analisi generale del libro. Uno dei temi più importanti e presenti in tutto il testo è quello del paesaggio, non solo quello che fa da sfondo ma tutto l’insieme formato anche da odori, suoni e sensazioni, che servono per meglio definire il ruolo primario e molto ben evidenziato. Per tutto il testo è presente l’idea della morte che è rappresentata con un aspetto cromatico ridente dato da un’orgia di colori, già con la recita del rosario, la corposità e l’insistenza del paesaggio è facilmente individuabile, e sembra voler evidenziare ogni gesto anche il più piccolo che la mette al centro di tutto, dove i colori e i suoni sono il suo segno e il suo linguaggio. La morte è infatti nel fremito letale della vicenda in particolare quella del gattopardo è nel suo sorriso, per identificare è utilizzata una figura femminile che va a prendere il protagonista da vicino e lo porta con se, questo indica come nel romanzo la morte e la sensualità siano sempre mescolate una all’altra.

Tema svolto sul Gattopardo di Giuseppe Tomasi di Lampedusa

IL GATTOPARDO: TEMATICHE

Un’altra immagine della morte è data dalla scena del soldato morto, a questo particolare sembra evidente che la morte è della luce e che si riversa su se stessa.

Tutto questo rende lo stile quasi maniacale e le scene si susseguono una all’altra e il narratore le narra esplicitando tutto minuziosamente. Il linguaggio di questa narrazione non conosce discrezione ma è molto deciso e lineare, quasi, in qualche modo, insistito. L’autore, Giuseppe Tomasi di Lampedusa, mette nei suoi testi commenti personali, ne abbiamo un esempio quando parla di Donnafugata citata anche in un altro libro, questo indica che in qualche modo nel raccontare mette della realtà e degli avvenimenti reali legati al suo passato.

Tema svolto sul Gattopardo

IL GATTOPARDO: COMMENTO CRITICO

Di donnafugata sono descritti minuziosamente piccoli ma ricchi particolari, come i cibi (timballo di maccheroni e gelatina al rhum), e dai cenni caricaturali del ballo, dietro ai quali si nasconde la realtà di una società che va distruggendosi. Nelle scene finali il paesaggio è molto ben definito, c’è quasi una sovrabbondanza di scene che indica la grandezza di un paesaggio che non può essere salvato. I critici pensano che l’autore abbia usato la Sicilia come un pretesto dove raccontare il suo pessimismo, e la sua analisi storica è molto riduttiva quindi la Sicilia rappresentata non è reale ma solo lo scenario ideale per rappresentare il dramma  di Don Fabrizio nel quale si rispecchia. Non bisogna quindi confondere una pagina storica con un racconto metafisico dove la storia viene strumentalizzata per fini poetici. La verità è che l’autore è un moralista assetato di giustizia e il suo pessimismo è l’espressione polemica della sua frustrazione (senso di inutilità) che vede molta diversità tra la realtà com’è e come dovrebbe essere. Il gattopardo è dunque una protesta contro la vita.